Espressioni di interesse, per l’acquisto di uno degli edifici più prestigiosi e ricchi di storia di Melbourne, chiude a fine ottobre. Potrebbe presto cambiare di mano, solo per la quarta volta nella sua lunga storia.

L’ex Cromwell House a 139 Collins St fu costruita nel 1886 per il dottor James George Beaney, un personaggio eccentrico del passato di Melbourne.

Secondo l’Australian Dictionary of Biography, il dottor Beaney – soprannominato “Diamond Jim” dai media – aveva i capelli “sollevati su entrambi i lati della testa” come un paio di corna.

La sua veste sgargiante, impreziosita da borchie di diamanti, anelli di diamanti e rubini e un orologio d’oro ingioiellato con pendente di diamanti, lo ha reso un soggetto ammirevole per la caricatura. Amante del chiaretto (Il Chiaretto è un vino DOC la cui produzione è consentita nella zona del lago di Garda nelle provincie di Brescia e Verona. Le sue caratteristiche organolettiche sono: colore rosa che con l’invecchiamento tende al granato, odore vinoso con leggero profumo delicato) e dello champagne, offrì generosa ospitalità ai suoi studenti e amici; talvolta condivideva un calice di champagne con i suoi assistenti dopo le sessioni operative “, si legge nella sua biografia.

L’edificio sarebbe poi diventato la sede dell’Alexandra Club, un club privato per donne, per oltre 60 anni.

Attualmente, di proprietà della ricca famiglia proprietaria del compianto John Kearney, l’affittuario principale dell’edificio è Louis Vuitton, che ha un contratto di locazione per quindici anni con scadenza nel 2026.

Colliers International ha descritto il sito come il “gioiello della corona” di Melbourne CBD (è il maggiore centro economico d’Australia e dell’area Oceanica).

Il risultato della sua corsa sul mercato, può essere visto da molti, come un segno della forza economica di Melbourne, che esce dal blocco.

Matt Stagg, uno degli agenti di Colliers International che gestisce la vendita, ha detto che si aspettavano che gli “investitori al dettaglio, d’élite globali, i veri collezionisti, ambissero ad aggiudicarsi quei trofei, nelle principali città del mondo” e presentassero offerte.

Così, dalle prime impressioni, non sembra.

Si prevede di vendere l’edificio, per più di circa 59 milioni di euro.

Speriamo!

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: