Pietre preziose in squisiti allestimenti vengono infilate in scatole di marca foderate di raso e acquistate da consumatori ben intenzionati per regalarle ai loro cari. I rubini del Myanmar sono considerati i più pregiati al mondo, ma l’origine di queste gemme comporta spesso orribili abusi dei diritti umani per le persone che vivono sotto un regime brutale. I nuovi risultati di un rapporto pubblicato oggi da Global Witness evidenziano un problema di catena di approvvigionamento che è stato ampiamente ignorato da molti dei marchi più aspirazionali del mercato del lusso. Sottolinea il fatto che non esiste un rubino birmano di provenienza etica, eppure il Myanmar (noto anche come Birmania) è uno dei due maggiori fornitori di rubini al mondo, e la fonte delle pietre più preziose del mondo. L’attuale detentore del record mondiale, un rubino non trattato proveniente dalla regione di Mogok in Myanmar, è stato venduto nel 2015 per oltre 30 milioni di dollari ad un’asta di Sotheby’s, il che significa più di 1 milione di dollari per carato.

Ma il commercio di pietre preziose del Myanmar è un racket militare corrotto gestito dal più alto generale del paese, Min Aung Hlaing, l’architetto del colpo di stato del 2021 che affronta le accuse di genocidio e crimini contro l’umanità, i dettagli del rapporto. Sotto il suo comando, l’esercito ha usato la significativa ricchezza di pietre preziose del paese per comprare l’opposizione armata al suo dominio, espropriare violentemente le comunità locali e concedere licenze per l’estrazione di rubini a gruppi etnici armati. Mentre l’estrazione di pietre preziose è attualmente illegale nel paese, decine di migliaia di minatori informali sono sfruttati dai militari in modo che il lucrativo commercio di pietre preziose continui. E non c’è fine agli acquirenti senza scrupoli per finanziare le atrocità.   Il rapporto dice che i rubini dei migliori gioiellieri finanziano il conflitto del Myanmar e gli abusi dei diritti umani I rubini del Myanmar penetrano nei mercati multimiliardari delle pietre preziose di Bangkok, Hong Kong, New York e Londra per essere venduti dai migliori gioiellieri internazionali come Bulgari e Graff, tra gli altri. Si stima che il 90% della fornitura mondiale di rubini provenisse dal Myanmar fino al 2009, quando il Mozambico è emerso come fornitore rivale. Secondo il rapporto, alcuni marchi internazionali come Chopard e Boucheron comprano rubini dal Mozambico, ma le operazioni minerarie sono state collegate a gravi abusi dei diritti umani e alla corruzione.

Il rapporto sottolinea che i rubini del Mozambico non offrono un’alternativa etica all’approvvigionamento di pietre preziose dal Myanmar.  “I marchi di lusso – come Graff, Harry Winston e Sotheby’s – nascondono la testa nella sabbia e vendono rubini che molto probabilmente finanziano il conflitto a consumatori inconsapevoli”, si legge nel rapporto. “Di oltre 30 gioiellieri internazionali, case d’asta e rivenditori di massa contattati da Global Witness, solo tre : Tiffany & Co., Signet Jewellers e Boodles ,dichiarano pubblicamente di aver smesso di approvvigionarsi di gemme dal Myanmar”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: