Per incrementare le esportazioni di gemme e gioielli, la GJEPC, ha chiesto che il dazio all’importazione sulle gemme preziose e semipreziose tagliate e lucidate sia ridotto al 2,5% dal 7,5% e che il dazio all’importazione sui metalli preziosi come oro, argento e platino sia ridotto al 4% dal 12,5% al 12,5%.

Inoltre, ha chiesto che il dazio all’importazione sulle gemme preziose e semipreziose tagliate e lucidate sia ridotto al 2,5% dal 7,5% e inoltre, che il dazio all’importazione sui metalli preziosi come oro, argento e platino sia ridotto al 4% dal 12,5% al 12,5%.

I produttori di articoli in plastica sollecitano la PM Narendra Modi a costituire un regolatore della benzina di Air India: la data d’informazione per gli offerenti qualificati interessati è stata prorogata al 5 gennaio 5G, per offrire un modello di business praticabile; spero che venga presto introdotto sul mercato indiano.

Il Gem and Jewellery Export Promotion Council of India (GJEPC) lunedì ha detto che se il ritmo attuale continua, le spedizioni totali dovrebbero raggiungere circa 1,6 rupie di lakh crore (20-21 miliardi di dollari) in questo anno finanziario. “Se il ritmo attuale delle esportazioni continuerà ad essere di circa 2-2,5 milioni di dollari al mese, allora chiuderemo l’anno tra i 20-21 miliardi di dollari”, ha detto il presidente del GJEPC Colin Shah ai giornalisti in una conferenza stampa virtuale.

Egli ha inoltre affermato che le esportazioni stanno lentamente migliorando, poiché durante il mese di settembre la spedizione totale è diminuita del 26,45% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, mentre in ottobre si è ridotta al 19% e in novembre il calo è stato registrato ad appena il 3,88%. “Siamo stati estremamente aggressivi negli ultimi 3-4 mesi in questo periodo di pandemia nel prendere varie iniziative, soprattutto sul fronte digitale.

Il nostro buyer seller virtuale si incontra e il global indiano si connette ogni quindici giorni. Ci hanno davvero aiutato non solo a collegare insieme l’intero commercio, ma anche a dare impulso al business”, ha aggiunto. Diverse misure governative, tra cui l’estensione del limite di tempo per il credito all’esportazione disponibile sul prestito d’oro, sulla sovvenzione degli interessi, l’estensione della moratoria sugli interessi e sui pagamenti EMI, la classificazione reale di MSME, tra le altre, hanno aiutato l’industria a rimettersi in piedi, ha dichiarato Shah.

Anche il settore manifatturiero è tornato alla normalità, ha detto aggiungendo che pan-India “siamo già tutti tornati al livello dell’85-90 per cento, e il 10 per cento che non è tornato ; è solo a causa del COVID-19 o di certi blocchi che sono ancora prevalenti in alcune aree del Paese”.

Andando avanti per incrementare le esportazioni di gemme e gioielli, la GJEPC nella sua proposta pre-bilancio ha esortato il governo a ridurre il dazio all’importazione di diamanti tagliati e lavorati al 2,5 per cento rispetto all’attuale 7,5 per cento. Inoltre, ha chiesto che il dazio all’importazione sulle gemme preziose e semipreziose tagliate e lucidate sia ridotto al 2,5% dal 7,5% e che il dazio all’importazione sui metalli preziosi come oro, argento e platino sia ridotto al 4% dal 12,5%.

Il Consiglio ha inoltre chiesto l’abolizione del dazio doganale di base dello 0,50% sulle gemme di colore grezzo, la modifica delle disposizioni fiscali per consentire la vendita di diamanti grezzi nella zona notificata speciale di Mumbai, la proroga di cinque anni del regime esistente per il Common Facility Centre (CFC). Shah ha anche sollecitato uno stanziamento di bilancio di 200 crore Rs per il progetto CFC basato sul fatto che ogni progetto di questo tipo sarà di circa 20-40 crore Rs e che almeno un mega CFC in ogni regione dovrà essere istituito.

La proposta raccomandava anche lo schema del Technology Upgradation Fund (TUF) Scheme per l’industria delle gemme e dei gioielli, la fissazione di un prezzo minimo all’importazione e l’aumento dei dazi all’importazione sui gioielli di imitazione, e l’introduzione del meccanismo “Rates and Taxes Refundes Refund” attraverso il sistema EDI simile al rimborso GST.

Ha inoltre richiesto un aumento del dazio all’importazione sullo zircone tagliato e lucidato al 15% dal 5% e l’azzeramento del dazio per lo zircone grezzo rispetto allo 0,50% per frenare l’importazione di prodotti finiti. Inoltre, il consiglio ha chiesto un aumento dei dazi all’importazione sulle pietre sintetiche tagliate e lucidate al 25 per cento dal 5 per cento.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: