Gli archeologi della Universitat Autònoma de Barcelona, hanno scoperto il primo palazzo dell’età del bronzo dell’Europa occidentale a Murcia, in Spagna. Il sito contiene anche una sepoltura unica che include una probabile governante donna che sfoggiava il suo raro oggetto d’argento simile a una corona, un diadema, fino alla sua tomba. Il sito dell’età del bronzo è stato scoperto a La Almoloya in Murcia, Spagna nel 2014 e la sontuosa sepoltura è stata datata intorno al 1700 a.C., essa comprende una donna, un uomo e un assortimento di oggetti di prestigio, tutti collocati all’interno di una grande giara che è stata trovata sotto il pavimento di una stanza in quello che è stato chiamato il primo palazzo dell’età del bronzo in Europa occidentale.

Il team di ricerca, ritiene che la donna riccamente adornata, fosse una governante della società di El Argar, dell’inizio dell’età del bronzo, e nota inoltre, che questa sepoltura a La Almoloya sia “una delle più sontuose tombe dell’età del bronzo mai trovate in Europa”. La sepoltura in giara è stata datata al radiocarbonio, alla metà del 17° secolo a.C., l’età d’oro della società argarica. Presenta offerte di animali, oggetti d’oro e d’argento di qualità eccezionale e i resti di una donna e di un uomo. Gli autori dello studio menzionano nel loro documento, che questa tomba era così ricca, che i soli 230 grammi di oggetti d’argento sarebbero stati sufficienti per pagare il salario giornaliero di 938 lavoratori dell’epoca!

Parliamo dei resti della donna di 25-30 anni, di quando morì… essa era anche adornata con bracciali e anelli d’argento, insieme al diadema, quando fu sepolta. Il maschio, di 35-40 anni, è stato sepolto con un braccialetto di rame, fermagli d’argento per capelli e tappi d’oro per i lobi delle orecchie. L’analisi dei loro resti scheletrici mostra tracce di cinabro, che potrebbe essere stato usato per tingere i loro vestiti o i sudari, o potrebbe essere stato usato come vernice per il corpo. Tutti questi elementi provano che si trattava di membri d’élite della loro società, con la donna che aveva un’importanza particolare, anche se il suo ruolo esatto è ancora un mistero.

Andiamo ad esaminare meglio l’interno della tomba.. si noti soprattutto l’importante diadema sul cranio femminile. Rihuete Herrada riferisce a Ancient Origins, che le doppie sepolture sono note nei siti argarici dell’età del bronzo, ma costituiscono solo il 10-20% delle tombe in ogni sito. I ricercatori dubitano anche che il sacrificio sia stato coinvolto in questa doppia sepoltura, tuttavia Rihuete Herrada dice: “Quando due persone sono sepolte insieme questo, naturalmente, può significare diverse cose, fra cui una delle varie opzioni interpretative può essere : qualcuno è morto e l’altra persona venne uccisa per diventare il suo compagno. Naturalmente questa uccisione poteva essere stata effettuata per mezzo di avvelenamento o con mezzi non rintracciabili, ma questa potrebbe essere stata una prova negativa”.

Ma, secondo Rihuete Herrada, “non abbiamo prove positive a sostegno di un sacrificio, né in questo periodo né in quello precedente”. Quando i resti sono stati esaminati, i ricercatori hanno scoperto che la femmina soffriva di diverse anomalie congenite, insieme ad una possibile infezione polmonare al momento della sua morte. Lo scheletro dell’uomo mostrava anche segni di usura estesa e il team ritiene che probabilmente ha cavalcato molto i cavalli. Hanno trovato anche segni di una ferita traumatica sul viso dell’uomo, ma era guarita molto tempo prima della sua morte. Si crede che la sua morte sia avvenuta poco prima della sua morte .

Infine, l’analisi genetica ha rivelato qualcosa di sorprendente: l’uomo e la donna avevano generato una figlia, la cui sepoltura è stata scoperta in un’altra parte del sito. Questa è stata un’altra delle sorprese del sito, e Rihuete Herrada l’ha definita “uno degli enigmi posti dai dati genetici”. Ha riferito anche a Ancient Origins che: è stata la prima prova di: parentela biologica mai scoperta per una sepoltura argarica, quindi è stata una sorpresa, che genitori e figli non fossero sepolti vicini, come era sempre stato “. La causa della morte dell’infante è sconosciuta, ma potrebbe essere dovuta a una malattia infettiva, che si dice sia responsabile dell’alto tasso di mortalità infantile dell’epoca, ma non lascia tracce scheletriche.

Il primo palazzo dell’età del bronzo in Europa occidentale La Almoloya, faceva parte della società di El Argar, che fiorì dal 2200 al 1550 a.C. nel sud-est dell’Iberia. Era apparentemente un palazzo dove la classe dirigente viveva la sua vita e svolgeva i suoi affari fino a quando fu distrutto da un incendio, poco dopo che la sovrana donna fu sepolta. Si trova a circa 90 km (56 miglia) dal sito eponimo di El Argar. Rihuete Herrada ha descritto le caratteristiche principali del sito, dicendo che questo “fosse un palazzo nel senso politico ed economico della parola, come è stato applicato all’archeologia del Mediterraneo orientale: un grande complesso architettonico con diversi spazi dedicati a diverse pratiche: laboratori, lavorazione del cibo, stoccaggio, aree di riposo e di incontro.”

La sepoltura della giara è stata trovata sotto un’interessante stanza, che secondo Rihuete Herrada “poteva riunire circa 60 persone sedute nelle panche lungo le pareti, aveva un focolare extra-large che non aveva eguali nelle abitazioni domestiche, che erano state registrate fino ad ora e mancava degli strumenti ordinari e delle strutture di stoccaggio che si trovano regolarmente negli spazi dedicati alla produzione”. L’unicità di questa stanza ha portato i ricercatori a chiamarla “”Assembly Hall”, perché era appositamente attrezzata per questo scopo e aveva un chiaro carattere sovradomestico”. Questo palazzo, il primo del suo genere, era solo una delle innovazioni della società di El Argar. Questa società della prima età del bronzo fu anche uno dei primi gruppi della regione ad utilizzare il bronzo, a sviluppare complessi centri urbani con strutture monumentali e ad avere una società altamente stratificata. Infatti questo diadema è un segno speciale del proprio status.

Come notato sopra, la donna è stata sepolta con un sacco di gioielli di valore e i suoi resti indossavano ancora un diadema, che i ricercatori hanno notato come particolarmente importante. La co-autrice dello studio, Cristina Rihuete Herrada del Dipartimento di Preistoria, Università Autonoma di Barcellona in Spagna, ha detto ad Ancient Origins: “Il diadema è arrivato come una straordinaria sorpresa. Sono state scavate centinaia di tombe, ma i diademi d’argento di questo tipo sono un oggetto estremamente raro. Tutti e quattro conosciuti fino ad ora sono apparsi nel XIX secolo e provengono dal sito di El Argar. Quindi era possibile che questo oggetto fosse una caratteristica specifica dell’élite dirigente di quel luogo. Ecco perché il diadema di La Almoloya, ha contribuito a chiarire lo status politico e, come diciamo noi, emblematico nel campo dei diademi”.

I ricercatori si sono concentrati molto sulla natura emblematica del diadema nel loro documento, pubblicato sulla rivista Antiquity. Per esempio, scrivono che “I diademi e le corone di metalli preziosi, sono alcuni degli oggetti emblematici più facilmente riconoscibili, infatti i diademi sono progettati per essere indossati da persone singole”. Nella società argarica i diademi sono stati inclusi nelle sepolture di femmine selezionate e la “rarità, il valore e la prominenza” di questi artefatti sono ritenuti ad identificare le donne come potenti e importanti.

Prendendo il significato sociale del diadema e di altri squisiti oggetti di sepoltura e combinandoli con la posizione, i ricercatori ipotizzano che la donna sepolta nella giara potrebbe essere stata “il capo di una catena di comando” nel sito, secondo il comunicato stampa di Antiquity. “Questi oggetti di sepoltura ci hanno permesso di cogliere il potere economico e politico di questo individuo e la classe dominante a cui apparteneva”, hanno detto i ricercatori.

Ma nello stesso tempo il diadema pone anche delle domande a molti … I ricercatori hanno scritto nel loro documento che i più antichi esempi di diademi sono stati interpretati “come simboli di rango, indossati da ‘leader’ o ‘capi’ con potere militare”. Trovare diademi associati a donne nella società argarica pone la questione di : se possa essere stata una società statale basata su classi, governata da donne.  Essi scrivono: “Nella società argarica, nel momento in cui le donne d’élite venivano sepolte con i diademi, gli uomini d’élite venivano sepolti preferibilmente con una spada e un pugnale. Questi uomini erano sepolti con meno ornamenti personali delle donne della stessa classe, e in nessun caso questi oggetti maschili avevano un carattere emblematico. Poiché tali armi erano il mezzo più efficace per far rispettare le decisioni politiche, alcuni uomini avrebbero avuto un ruolo esecutivo, anche se la legittimazione ideologica e, forse il governo, risiedevano in certe mani femminili”.

Quando un insediamento iberico di 2000 anni fa fu portato alla luce, i resti confermarono una tragica storia di coraggio, morte e suicidio della Regina Rossa Maya. Le scoperte di La Almoloya stanno fornendo non solo un utile sguardo alla vita in questa società altamente stratificata di El Argar e al palazzo dell’età del bronzo, ma anche rivelando inaspettate dimensioni politiche di quella società, che i ricercatori chiamano “unica nel Mediterraneo occidentale contemporaneo e nell’Europa continentale”. Secondo Rihuete Herrada, l’ultima fase di La Almoloya è stata completamente esplorata, quindi “l’obiettivo emozionante” davanti al team di ricerca, è quello di esplorare le fasi precedenti del sito, che sono sepolte sotto i resti di questa successiva, e rimangono in gran parte sconosciute.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: