Il Better Business Bureau’s National Advertising Division (NAD) , ha raccomandato a Diamond Foundry di modificare alcune delle sue pubblicità, per comunicare meglio che i suoi diamanti sono cresciuti in un laboratorio. Diamond Foundry , che ha appena rivelato di aver raccolto 200 milioni di dollari di finanziamenti in un deposito SEC , ha detto che si conformerà alle raccomandazioni. L’azienda con sede a Santa Clara, in California, produce e vende diamanti coltivati in laboratorio attraverso un ufficio a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, e tramite la filiale e-tail Vrai. Nella sua decisione, rilasciata il 30 marzo, il NAD, rispondendo ad una denuncia del Natural Diamond Council (NDC), ha trovato alcuni annunci di Diamond Foundry e Vrai nocivi perché potrebbero “creare confusionesull’origine dei loro diamanti. In particolare, il NAD si è occupato di alcuni annunci e post sui social media di Diamond Foundry e Vrai, che etichettano i loro prodotti come “diamanti” senza modificatori o descrittori di accompagnamento.

Il NAD ha consigliato a Diamond Foundry di fare “chiare e cospicue informazioni ( sull’origine dei diamanti ), che precedano immediatamente, con uguale evidenza, la parola diamante“, come prescritto dalle guide della Federal Trade Commission per l’industria dei gioielli. Ha anche raccomandato che Diamond Foundry e Vrai non descrivano i prodotti come “diamanti creati“, “diamanti creati in superficie”, “creati in modo sostenibile“, “cresciuti in modo sostenibile” e “positivi al mondo”, poiché questi termini “non comunicano sufficientemente che i diamanti sono cresciuti in laboratorio“.

Il NAD ha notato che nulla nella sua decisione preclude a Diamond Foundry di usare la frase diamanti creati in superficie , se appare in un contesto che rivela chiaramente che i diamanti sono fatti dall’uomo. Può anche usare la frase mondo positivo “se è legata ad uno specifico beneficio o caratteristica dei LGD di Diamond Foundry, quando rivela accuratamente l’origine dei diamanti”, ha detto. Diamond Foundry inoltre ha riferito che ascolterà il consiglio del NAD “per rispetto del processo di autoregolamentazione”. Ha anche detto al NAD che non era d’accordo con alcuni aspetti della sua decisione. L’azienda ha aggiunto: “Siamo soddisfatti dell’osservazione del NAD che : ‘la pubblicità di Diamond Foundry sul suo sito web , è piena di messaggi chiari sulla natura artificiale dei suoi diamanti e spesso contrasta chiaramente i suoi prodotti con i diamanti estratti…nella pubblicità sia per il marchio di produzione Diamond Foundry , che per il marchio al dettaglio Vrai’. ” Questa non è la prima volta che Diamond Foundry ha affrontato controversie sulla sua pubblicità. Nel 2019, la FTC ha inviato lettere di avvertimento a Diamond Foundry e ad altre sette aziende su come hanno descritto i loro diamanti.

Il personale della FTC è preoccupato che alcune delle loro pubblicità non sono conformi alle guide dei gioielli e quindi possano ingannare i consumatori“, si legge nella lettera alla Diamond Foundry. “Il termine diamanti reali fuori terra non rivela chiaramente e cospicuamente che i diamanti sono creati in laboratorio”. In precedenza, il Jewelers Vigilance Committee si era lamentato dei descrittori confusi nelle collaborazioni di Diamond Foundry con Barneys New York e Jennifer Fisher. “Ci sono stati avvertimenti precedenti”, dice Tiffany Stevens, presidente e CEO di JVC.

Nell’ambiente digitale in cui ci troviamo, è particolarmente importante che la pubblicità sia veritiera e accurata. Sappiamo che c’è un interesse continuo da parte della FTC nel guardare le pratiche pubblicitarie nel settore della gioielleria”. David Kellie, CEO del Natural Diamond Council, che ha detto di aver cominciato a prendere una posizione meno conflittuale verso le gemme coltivate in laboratorio, dice a JCK che mentre l’attenzione del gruppo rimane sulla promozione dei diamanti naturali, cerca “di proteggere l’integrità del nostro settore per conto delle imprese e decine di milioni di dipendenti, le loro famiglie e le comunità il cui sostentamento dipende dai diamanti e dai gioielli con diamanti. Purtroppo, questo significa che di tanto in tanto abbiamo bisogno di sollevare questioni per quanto riguarda la preoccupazione e cercare una risoluzione e rimedio attraverso i canali appropriati”.

In una notizia correlata, Diamond Foundry è stata citata in tribunale in Canada da Ofer Mizrahi Diamonds (OM), per aver presumibilmente braccato la sua gente e rubato i suoi segreti. La denuncia, presentata il 16 marzo alla Corte Suprema della British Columbia, ha accusato che, nell’agosto 2019, uno dei dipendenti canadesi di OM ha lasciato l’azienda per una posizione di vicepresidente di Diamond Foundry. Quattro altri dipendenti OM si sono successivamente uniti a lei, ha detto.

Secondo la denuncia, la mossa potrebbe aver violato il contratto di lavoro della donna, che le proibiva di accettare un lavoro con un concorrente, o di indurre altri dipendenti a lasciare per sei mesi dopo la sua partenza. La OM è in parte proprietaria di Green Rocks, un’azienda di diamanti coltivati in laboratorio. La denuncia sosteneva che gli ex-dipendenti avevano dato a Diamond Foundry l’accesso al database dei clienti di OM e ad altre informazioni riservate. Ha accusato la violazione del contratto, l’arricchimento senza causa e altri capi d’accusa, e chiede 5 milioni di dollari di danni. Diamond Foundry dice a JCK: “Siamo orgogliosi del nostro team di vendita e mentre possono essere l’invidia di altri, i nostri avvocati non vedono alcun merito nelle affermazioni fatte”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: