L’economista austriaco FA Hayek disse che la sua unica scoperta in economia fu l’idea che il sistema dei prezzi è essenziale come guida per permettere alle persone di inserirsi in un ordine. Il suo maestro Ludwig von Mises fece risalire l’origine dei prezzi al punto di nesso monetario quando l’oro e l’argento si erano evoluti organicamente come denaro da un sistema di baratto.

Ognuno si sveglia la mattina avendo un’idea di quali siano i prezzi, in base a ciò che i prezzi erano ieri, e così via fino a quel punto di origine del nesso monetario. Ne consegue che l’intera nozione di moneta fiat è impossibile, e l’unica cosa che dà valore al dollaro è la sua scambiabilità con l’oro. Il dollaro non è fiat. La finestra dell’oro è ancora aperta, il dollaro non è mai uscito dal gold standard, e l’unico modo per porre fine alla finanza inflazionistica e demonetizzare il dollaro e comprare oro fisico ora , chiudendo quella finestra per sempre. E visto che ci siamo, menzioniamo una diceria diffusa dagli appassionati dell’oro :

Andare al supermercato con una moneta d’oro…. “L’oro è denaro”, dice il gold bug all’appassionato del dollaro. L’ oro è denaro, dici?” risponde l’appassionato del dollaro. “Allora vai in un supermercato con una moneta d’oro e prova a comprare qualcosa. Vedi se funziona!”.

È una sfida che ho sentito innumerevoli volte. È ora di uccidere questo diceria. Ecco la mia replica. “Il dollaro è denaro, dici? Allora vai in un supermercato con i dollari quando i dollari non potranno più essere scambiati con nessuna quantità di oro fisico, e prova a comprare qualcosa. Vedi se funziona!” La risposta è che non funzionerà. Una volta che un dollaro, o qualsiasi moneta cartacea, non può più essere scambiato con una qualsiasi quantità di oro fisico, quella moneta diventa completamente senza valore. Questa non è un’osservazione empirica, ma una verità logica deduttiva e ineluttabile. Come mai? Perché, se il dollaro non può essere scambiato con nessuna quantità di oro fisico, deve essere completamente privo di valore?

Per rispondere a questa domanda, possiamo iniziare con un’osservazione del premio Nobel F.A. Hayek, economista della scuola austriaca. Una volta gli fu chiesto perché avesse scelto il capitalismo del libero mercato come sistema che aveva soluzioni invece del socialismo. La sua risposta iniziò così : “Considero come la mia unica scoperta in economia… l’idea che il sistema dei prezzi è davvero essenziale come guida, per permettere alle persone di inserirsi in un ordine… Mostra per esempio perché un economista classico ortodosso o anche un marxista non potrà mai capire il funzionamento del mercato. Credono che siano i costi a determinare i prezzi. La verità è esattamente il contrario. Sono i prezzi che determinano i costi che dovrebbero comportare”. E allora? Ecco cosa. Hayek continuò con questa battuta:

A volte dico che nessuna vera scoperta è mai stata fatta in economia. Non ci sono scoperte da fare. Si tratta di usare la conoscenza del senso comune e riconoscerne il significato. Naturalmente, siamo guidati dai prezzi. Che i prezzi siano determinati dalle azioni di milioni di persone lo sanno tutti. Ma metterlo nella forma giusta e vedere che è il prezzo con cui la conoscenza di migliaia e milioni di persone può essere trasmessa agli altri e servire come guida per loro, era solo un nuovo modo di mettere insieme le idee”. E così, nello spirito di Hayek e della Scuola Austriaca di Economia basata sulla logica positivista, mi propongo di prendere questa singolare “scoperta” di Hayek, cioè che i prezzi del libero mercato mettono le persone in un ordine produttivo, e di riapplicarla al campo dell’economia monetaria per dimostrare che l’oro deve essere denaro non solo nel passato , ma ora nel presente, e che, essendo questo il caso, dimostrare che il dollaro americano ha un valore di mercato solo nella misura in cui è ancora un sostituto funzionante dell’oro.

Possiamo iniziare passando ad un altro economista della Scuola Austriaca, il maestro di Hayek, Ludwig von Mises, per sfatare l’intero concetto di “moneta fiat” come una pura impossibilità logica. Se i prezzi del libero mercato mettono il mondo in un ordine economico produttivo valutando la scarsità relativa e la domanda, e i prezzi sono dettati dalle azioni economiche di milioni di persone individuali, ne consegue che i prezzi del libero mercato non possono essere dettati dal fiat dall’alto. Il maestro di Hayek, Ludwig von Mises, fece questo caso indirettamente, attraverso il suo Teorema di Regressione Monetaria. Il modo più semplice per mettere il teorema di regressione è questo. La gente si sveglia la mattina. Si svegliano generalmente sapendo quanto lavoro devono fare, quanto denaro devono guadagnare e quanto denaro devono spendere per realizzare i loro obiettivi della giornata, qualunque essi siano. Come fanno ad avere tutte queste informazioni? L’unico modo in cui ognuno di noi ha queste informazioni è , basando le nostre supposizioni su quali siano i prezzi di oggi, sulla serie di prezzi di ieri.

Certo, i prezzi si adattano continuamente, poiché l’offerta e la domanda di qualsiasi cosa si spostano sempre, e questo spostamento costante lascia spazio sia al guadagno che alla perdita imprenditoriale. Guadagno se i movimenti dei prezzi sono previsti correttamente, e avviene una perdita se non sono corretti. Tuttavia, senza un riferimento di base al passato immediato come punto di partenza, i prezzi sarebbero completamente privi di significato e non trasmetterebbero alcuna informazione economica. La produzione e la divisione del lavoro si romperebbero completamente. L’ordine economico si trasformerebbe in caos. Ne deriverebbero fame di massa e rivolte. Tutti i prezzi di tutte le cose devono per forza di logica essere riferiti al passato, e questa regressione temporale deve continuare ininterrotta, fluida, fino a quando il denaro si è evoluto nel mercato e lo scambio indiretto di beni e servizi è diventato una cosa importante nella società umana.

Andiamo a vedere il punto di origine del nesso monetario in oro e argento… Ecco come è cominciato. Ad un certo punto della storia economica umana, l’oro e l’argento iniziarono ad essere usati nel baratto come metalli utili in cambio di altre cose. Dopo un gran numero di scambi di oro e argento per altri beni e servizi, si cominciò a stabilire organicamente una stima generale per cosa e quanto questi metalli potevano essere scambiati. In questo modo, l’oro e l’argento si sono evoluti per permettere lo scambio indiretto e il commercio, piuttosto che il baratto in senso stretto. Perché questi metalli? Semplicemente perché erano disponibili, divisibili, stabili, sufficientemente rari e intrinsecamente utili.

Quest’ultimo punto, l’utilità intrinseca, è cruciale, perché senza di esso, lo scambio di oro e argento per cose in un sistema di baratto non sarebbe mai iniziato in primo luogo. Il fatto che qualcuno lungo la linea di scambio dell’oro o dell’argento sarebbe stato in grado di usare i metalli stessi è il nesso da cui questi metalli si sono evoluti come moneta. In generale, l’oro era usato per transazioni grandi o all’ingrosso, e l’argento per la vendita al dettaglio. Cominciò a svilupparsi una serie di prezzi per beni e servizi in termini di oro e argento, e il punto nesso della catena di regressione monetaria di tutti i prezzi monetari fino ad oggi trovò la sua origine. Non fu un processo istantaneo. Ci vollero centinaia, se non migliaia di anni, da un singolo nocciolo di scambio di baratto ad un ordine economico gradualmente più grande e complesso basato su una serie sempre più ampia di prezzi di libero mercato denominati in pesi d’oro e d’argento. In un baleno, qualche migliaio di anni dopo, si sono sviluppati dei servizi di stoccaggio, chiamati banche, per questi metalli. Le banche emettevano certificati di deposito e assicuravano l’oro delle persone. Questi certificati di carta cominciarono ad essere usati come sostituti dell’oro. È così che nacque il dollaro americano, come sostituto dell’oro. Alla fine, le banche capirono che potevano semplicemente emettere gli stessi sostituti per niente e comprare cose per loro stessi con i sostituti. Furono stampati sempre più di questi sostituti non garantiti e nacque l’inflazione. Arriviamo al 1934 e c’erano troppi sostituti dell’oro sotto forma di dollari per riscattare l’oro a 21 dollari l’oncia, così Roosevelt spostò il tasso di cambio tra l’oro e il suo sostituto fino a 35 dollari. Attraverso questo processo di svalutazione del sostituto dell’oro, la catena originale di regressione all’origine dell’oro come denaro rimaneva ancora intatta.

Intatta con un grosso e fastidioso urto sulla strada da 21 a 35 dollari per oncia di denaro durante la notte, ma la macchina continuava a guidare, ancora fondamentalmente intatta. Questo ha permesso ai prezzi di mantenere una certa fluidità di base con la catena causale originale, ma naturalmente, ci sono stati molti aggiustamenti di produzione che hanno dovuto essere fatti per rimettere le cose in ordine. Questi aggiustamenti erano molto dolorosi, ma erano necessari per mantenere intatta qualsiasi forma di ordine economico.

Arriviamo al 1971, e c’erano così tanti di questi sostituti dell’oro in dollari che il presidente Nixon smise di riscattare l’oro in dollari anche a 35 dollari l’oncia. Da questo punto della storia, la linguistica monetaria si è seriamente confusa e tre contorti pretzel linguistici nel linguaggio monetario hanno cominciato a proliferare nel tentativo di mascherare ciò che era appena successo.  Il dollaro è presumibilmente “diventato una pura valuta fiat”. Ecco il mio tentativo di districare questi pretzel. Prendiamo il pretzel n. 1. “Nixon ha tolto il dollaro dal gold standard”. Secondo la logica di Hayek su ciò che i prezzi sono in primo luogo, e la logica di Mises che sottolinea la necessità di una catena ininterrotta di prezzi che risalga al punto di origine del nesso monetario, è completamente impossibile togliere il dollaro dal gold standard e allo stesso tempo avere una serie di prezzi funzionante , basata sul dollaro.  Anche dopo che Nixon smise di riscattare l’oro a 35 dollari l’oncia, la catena di regressione monetaria rimase comunque intatta per tutto il tempo e lo fa ancora, perché i dollari possono ancora essere scambiati con oro a circa 1.750 dollari l’oncia o giù di lì. Il dollaro non è mai uscito dal gold standard. È semplicemente uscito da un tasso di cambio statico di 35 dollari per oncia. Togliere veramente e realmente il dollaro dal gold standard significherebbe distruggere completamente il dollaro come sostituto funzionante dell’oro, distruggendo il suo valore di mercato. Chiaramente, questo non è ancora successo, dato che il dollaro funziona ancora.

Qui arriviamo al pretzel #2, “chiudere la finestra dell’oro”. Se il dollaro è ancora su un gold standard nel senso che può ancora essere scambiato con l’oro a 1.750 dollari l’oncia, questa è la finestra dell’oro. La finestra dell’oro rimane aperta per il dollaro, anche se in modo ristretto; quella finestra continua a restringersi, ma è ancora aperta. Se la finestra che collega l’oro e il dollaro dovesse chiudersi completamente, cioè se diventasse impossibile scambiare qualsiasi quantità di dollari con qualsiasi quantità di oro, allora il dollaro dovrebbe diventare completamente privo di valore per la stessa ragione.

La separazione del legame del dollaro con l’oro renderebbe i prezzi del dollaro per qualsiasi cosa completamente privi di significato, e quindi incapaci di trasmettere qualsiasi informazione economica significativa. Il dollaro sarebbe incapace di essere scambiato con qualsiasi cosa, in ogni caso. Qui arriviamo al pretzel #3, il pretzel più grande di tutti. “Il dollaro è diventato una pura moneta fiat”. Assolutamente impossibile. I prezzi devono sempre ricollegarsi al passato come punto di partenza per valutare l’offerta e la domanda relativa di beni e servizi. I prezzi non possono assolutamente essere dettati dal fiat. Devono essere costantemente rinegoziati da miliardi di individui sulla base di ciò che sapevano essere i prezzi il giorno prima. Tutte queste persone hanno una conoscenza economica dispersa sull’offerta e la domanda di miliardi di beni e servizi in tutto il pianeta. Questa conoscenza non può essere concentrata in un comitato di potere e dettata dall’alto con un fiat.

Il dollaro non è assolutamente una valuta fiat. Il dollaro rimane un sostituto dell’oro, e come un sostituto dell’oro ancora funzionante (ma sempre più gonfiato), quel legame essenziale con il passato attraverso l’oro rimane intatto. Solo per questo motivo, i prezzi hanno ancora un certo livello di senso economico e l’economia globale continua fondamentalmente a funzionare.

L’elemento Fiat del dollaro funge come sostituto dell’oro ? Sì, c’è effettivamente un elemento di “fiat” nel dollaro in termini di forza, e questo elemento è il privilegio di monopolio del governo nel creare più di questi sostituti, le cosiddette “leggi di corso legale“. Una volta credevo erroneamente che il valore di una cosiddetta “moneta fiat” fosse inerente al suo status di moneta a corso legale, cioè che riposasse nella capacità del governo di costringerti ad usarla per pagare le tasse. Solo recentemente ho capito che anche questa è un’impossibilità logica. Il valore di una moneta non ha nulla a che fare con il suo status di moneta a corso legale. Se così fosse, allora sarebbe impossibile anche la morte di qualsiasi moneta a corso legale. I governi possono sempre costringere chiunque a pagare le tasse in qualsiasi valuta, e tuttavia le valute governative continuano a morire comunque.

Qual è allora lo scopo delle leggi sul corso legale in primo luogo? Se non conferiscono valore ad una moneta, cosa ottengono? Semplice. Il loro scopo è quello di dare al governo la capacità esclusiva di gonfiare l’offerta di sostituti dell’oro in modo da estrarre valore da essi come sostituti dell’oro e portarvi via quel valore. I governi vi costringono a usare il loro specifico sostituto dell’oro perché questi sostituti dell’oro, nella misura in cui sono ancora sostituti dell’oro funzionanti, hanno già un valore, e essi vogliono estrarre questo valore da loro attraverso l’inflazione. In altre parole, le leggi sul corso legale esistono perché le valute di carta, nella misura in cui sono ancora sostituti d’oro funzionanti, hanno valore in primo luogo, non il contrario.

E se parlassimo di tornare al supermercato con una moneta d’oro ? ……Le leggi sul corso legale sono l’unica ragione per cui non si può entrare in un supermercato con una moneta d’oro o d’argento e comprare cibo. Non perché l’oro e l’argento non siano soldi, ma perché le leggi sul corso legale richiedono di usare solo uno specifico sostituto dell’oro che un governo ha il privilegio di emettere con la forza del fiat. In questo modo, il governo può continuare a gonfiare l’offerta e accumulare risorse per se stesso e lontano dal pubblico. Ma le leggi sul corso legale non sono una magia. Non sono la fontana della giovinezza, né il tappo eterno. Solo tanto valore può essere estratto da un sostituto dell’oro prima che sia completamente rifiutato come tale. In altre parole, prima che il sostituto non possa più essere sostituito in oro.

In tal caso, la catena di regressione monetaria è completamente interrotta, e il pubblico non ha altra scelta che tornare o a un diverso sostituto dell’oro funzionante, o in assenza di questo, al denaro stesso, all’oro, per continuare la catena di regressione monetaria originale in modo che i prezzi abbiano una parvenza di significato economico. Non c’è altra alternativa. Altrimenti, la divisione del lavoro si rompe completamente e si ha il caos completo e totale.

Infine che dire di altre valute che non sono il dollaro? Si inseriscono in due categorie separate e distinte. Alcune valute sono anche sostituti dell’oro a pieno titolo, dove una banca centrale ha una certa quantità di riserve d’oro a loro sostegno, come l’Euro. Altre, come il dollaro canadese o il nuovo shekel israeliano, sono semplicemente dei sostituti del dollaro. Perché? Perché la Banca del Canada e la Banca d’Israele non hanno alcuna riserva aurea. Hanno riserve in dollari, e così il valore del CAD e dell’ILS si basa unicamente sulla continua scambiabilità del dollaro con l’oro.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: