Se non hai più messo gli occhi sui tuoi gioielli d’argento da quando la pandemia ha colpito all’inizio dell’anno scorso, probabilmente si sono già appannati. Non fartene una colpa, però: quello strato scuro che copre i tuoi orecchini o la tua collana preferita è il risultato di un processo chimico naturale che si verifica quando l’argento sterling è esposto all’aria. In una certa misura, è evitabile e, meglio ancora, reversibile. Usando oggetti che probabilmente hai già nella tua cucina, puoi facilmente sbarazzarti di quel brutto appannamento, giusto in tempo per mostrare i tuoi gingilli scintillanti sotto il sole di primavera ed estate.

Innanzitutto spieghiamo perché l’argento si appanna…..L’argento puro non si appanna facilmente. Ma prima di accusare qualche negozio di venderti carta stagnola, sappi che i gioielli non sono mai argento al 100%. La forma più pura di questo metallo è troppo morbida e malleabile, e qualsiasi pezzo puro si piegherebbe dopo un po’ d’uso. È qui che entra in gioco l’argento sterling: è argento puro al 92,5% e rame al 7,5%, che lo rende più forte e durevole. Se questo numero ti sembra familiare, è perché è comune trovare “925” inciso da qualche parte su un pezzo di gioielleria in argento sterling per indicare l’alta qualità del metallo.  Ma il rame è anche responsabile di rendere questa lega più incline all’appannamento. Questo accade quando l’argento entra in contatto con particelle di zolfo nell’aria e si lega con esse per produrre solfuro d’argento.

Questo nuovo composto è nero e, accumulandosi, crea una patina scura e non troppo affascinante sui tuoi accessori d’argento. L’appannamento è una cosa. Poi c’è tutta la sporcizia nelle piccole fessure dell’anello e quella è tutt’altra cosa. Potresti usare metodi abrasivi, come il dentifricio sbiancante, per raschiare via il sottile strato di solfuro d’argento, ma corri il rischio di danneggiare i tuoi gioielli. Invece, usa la scienza.

Ecco di seguito un semplice metodo per sbiancare l’argento:

Ingredienti:

Un contenitore (i contenitori da asporto funzionano bene)

Un foglio di alluminio

1 tazza di acqua appena bollita

1 cucchiaio di bicarbonato di sodio

1 cucchiaino di sale

1 Misurino

Ed ecco le istruzioni da eseguire:

1. Rivestire l’interno del contenitore con un foglio di alluminio.  Tenere il lato lucido del foglio in alto. La dimensione e il materiale del tuo contenitore non importa, purché possa contenere tutti i tuoi gioielli appannati.  Se il tuo contenitore è grande, usa due o più fogli di alluminio e sovrapponili per coprire l’intero fondo del contenitore. 

2. Porta l’acqua a ebollizione.  Poi toglietela dal fuoco.

 3. Versate una tazza d’acqua nel misurino . Poi aggiungete il bicarbonato e il sale, dopodiché mescolare bene. ( Suggerimento: se vuoi pulire molti gioielli o altri oggetti grandi, basta regolare le quantità: prendi un contenitore grande e misura 1 tazza di bicarbonato di sodio e una tazza da ¾ di sale per ogni litro d’acqua. )

4. Mettete i vostri pezzi d’argento nel contenitore e versate la soluzione di bicarbonato di sodio. Assicurati che i tuoi gioielli siano totalmente sommersi e che tocchino il foglio di alluminio (ti spiegheremo perché tra un momento).

5. Lascia riposare finché l’acqua non si raffredda. Lascia che la chimica faccia il suo lavoro e guarda quelle bolle salire. Le bolle più puzzolenti che avrete mai sentito lasceranno i vostri gingilli belli e lucenti. In natura, gli elementi spesso si legano ad altri per creare nuovi composti, ma alcuni elementi vanno meglio con altri. Mentre lo zolfo si lega facilmente con l’argento, l’alluminio gli piace di più, per esempio. Questa “amicizia” ha un significato, vuol dire che quando i tuoi gioielli appannati toccano la lamina, si verifica una reazione elettrochimica.

In esso, lo zolfo del solfuro d’argento sui tuoi gioielli , si stacca e si lega con le molecole di alluminio nella lamina per creare solfuro di alluminio. Tutto questo è possibile grazie ad una micro corrente elettrica tra i metalli, che è simile a come le batterie producono elettricità. Le bolle che vedrai uscire dalle fessure più appannate dei tuoi gioielli sono anidride carbonica, un sottoprodotto di questa reazione. Oh, e il debole e disgustoso odore di uova marce? Quello è zolfo. Significa che sta funzionando.  Senza zolfo, la patina nera sui tuoi gioielli torna ad essere argento, invertendo il processo di appannamento e riportando il bling ai tuoi gioielli senza danneggiarli. 

6. Controlla i tuoi gioielli e ripeti il processo se necessario.  La temperatura dell’acqua e la presenza di sale e bicarbonato accelerano il processo di pulizia. L’acqua fredda e il foglio di alluminio da soli porterebbero comunque a pezzi d’argento non appannati, ma potrebbero volerci giorni prima di vedere dei risultati. Se rimane dell’appannamento quando l’acqua si raffredda, potete riscaldare nuovamente l’acqua e immergere nuovamente i vostri pezzi.  Una parte dell’appannamento nelle fessure, era ancora presente dopo 10 minuti, ma l’argento era notevolmente più pulito e brillante.

7. Se siete soddisfatti dei risultati, finite. Il bicarbonato di sodio lascerà una macchia bianca sui vostri gioielli, quindi sciacquateli sotto il rubinetto, una volta tirati fuori dalla soluzione. Poi asciugate e lucidate con un panno in microfibra per mantenere il pezzo senza lanuggine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: