Ampiamente considerate noiose e banali, le spille sono state seriamente considerate fuori moda fin dagli anni di “Dynasty”, in cui il potere era stare in tuta. Le nonne ne hanno i cassetti pieni. Catherine O’Hara, che interpreta la pazza Moira Rose in “Schitt’s Creek”, le indossa costantemente , anche quando va a letto. Le gioiellerie raramente li elencano nei loro menu di e-commerce (ma li vendono). E dagli anni ’50 agli anni ’80, hanno acquisito una reputazione “come gioielli da giorno, da pranzo“, dice Marion Fasel, storica dell’alta gioielleria.

Tutto questo significa, naturalmente, che la spilla è matura per un revival. Nel 2020, “sono gli uomini che hanno il compito di rendere le spille di nuovo cool“, ha detto Fasel. Rege-Jean Page si è presentata al “Saturday Night Live” il mese scorso indossando un abito di Alexander McQueen con tre spille di perle cucite sul bavero. Jared Leto ha scelto un’enorme spilla di Gucci ai Golden Globes, dove Anthony Anderson ha scelto un fiore di Chopard.

Ai Grammy, Trevor Noah ha indossato la spilla Apollo di Tiffany-Schlumberger con punte d’oro e diamanti, e DaBaby ha scelto una spilla DG di diamanti sulla sua giacca Dolce & Gabbana, per poi passare a una giacca Chanel con una C di diamanti su ogni bavero. Un certo numero di spille oggi sono commercializzate specificamente per gli uomini, e sono diverse dalle delicate spille da signora del passato. La spilla a forma di giglio di McQueen, in argento antico, non solo sembra un po’ fuori moda, ma anche, ad un’ispezione ravvicinata, come notato dal commerciante di gemme e storico di gioielli di New York Benjamin Zucker, ha minuscoli teschi e ossa incrociate in cima ai suoi pistilli. Egli ha descritto il pezzo come “minaccioso e arrestante”. Una spilla di cotone di Gucci etichettata come lepre ricamata, tecnicamente, è per lo più lavorata all’uncinetto, evoca l’artigianato, ma sul sito web dell’azienda è attaccata al bavero della tuta da lavoro di un giovane modello maschile.

Per Victoria Pass, professore associato di storia della moda al Maryland Institute College of Art di Baltimora, “spille come queste possono cambiare l’intero aspetto di un abito maschile su misura, trasformandolo in qualcosa di più fluido per il genere”. “Ecco un nuovo modo per gli uomini di esprimersi”, ha detto Carlton Jones, un designer e stilista di New York. “Le spille hanno cominciato ad essere quella dichiarazione. Ci sarà un 360 gradi dall’abbigliamento super-casuale da quarantena con cui siamo diventati così abituati e comodi”. Karen Davidov ha fondato Jewelry Library, una galleria di New York, un centro di ricerca e un punto di ritrovo che terrà una mostra di spille online della durata di un mese, con eventi per i relatori a maggio. “Gli uomini in spille ci fanno guardare la forma stessa in un modo nuovo e fresco“, ha detto.

Invece andiamo a parlare del Fattore Gaga: Se gli uomini famosi non rendono abbastanza chiara la rinascita delle spille, si consideri la colomba Schiaparelli in ottone dorato a repousse da 7 pollici e mezzo, con un ramo d’ulivo, che Lady Gaga ha indossato all’inaugurazione presidenziale di gennaio. Quando è salita sul rostro e ha cantato l’inno nazionale, la colomba applique, adattata al suo busto, ha tremato leggermente , come se prendesse vita, come se Gaga stessa stesse prendendo il volo. “Voleva qualcosa di iconico. qualcosa di emblematico del momento”, ha detto Daniel Roseberry, direttore creativo di Schiaparelli. Ha progettato la colomba da indossare a sinistra, vicino al suo cuore. “Una colomba che porta un ramo d’ulivo. Che tutti noi possiamo fare la pace l’uno con l’altro”, ha detto Gaga più tardi. Non che qualcuno abbia frainteso.

“Gaga è lì per fare dichiarazioni, ed è esattamente quello che ha fatto”, ha detto Jones. Oltre a mettere il mondo sull’avviso che la spilla è tornata. “Finalmente, il mondo della moda ha capito l’importanza di un pezzo di gioielleria come ‘messaggero’ di grandi temi come l’amore, la pace, l’unità, l’amicizia e la devozione”, ha scritto Nichka Marobin, uno storico dell’arte che ha visto l’inaugurazione da Padova, Italia, in una e-mail. Anelli, orecchini, bracciali e collane interagiscono necessariamente con le dita, i lobi delle orecchie, i polsi e la gola, ponendo dei limiti al gioielliere. Ma “una spilla è indipendente dal corpo“, ha detto Lori Ettlinger Gross, uno storico di gioielli a New York. Come un dipinto o una scultura, è una dichiarazione non verbale, un piccolo sandwich board , come la diplomatica Madeleine Albright, che indossa una spilla, ha ripetutamente dimostrato, brandendo strategicamente pezzi della sua considerevole collezione prima come ambasciatrice alle Nazioni Unite e poi come segretario di stato. Indossava una spilla a forma di insetto gigante dopo che i russi furono sorpresi a origliare il Dipartimento di Stato, e una spilla a forma di freccia quando rinegoziò il trattato sui missili anti-balistici.

Invece parlando del romanticismo del passato….. Come Daniel Roseberry a Schiaparelli, Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, si concentra sui gioielli. Con le sue inclinazioni aristocratico-bohémien-geek-chic, e l’ispirazione che trae dalla sua considerevole collezione di gioielli antichi e vintage, Michele ha sfornato stagione dopo stagione spille che attirano l’attenzione e che cavalcano nella storia della gioielleria. Partendo dai suoi fiocchi di grosgrain a strisce da scolaretta su steroidi, impreziositi da api dorate e spille da centrotavola ornate che hanno attirato l’attenzione qualche stagione fa , alla spilla Double G Monogram, circondata da cristalli, della sua ultima collezione, ecc…Già nel 2015, Michele ha iniziato a mostrare appliques ricamate , crossover tra spille e abiti , da appuntare o cucire sul suo prêt-à-porter. Quelle floreali erano sparse su tutto il minidress trasparente di Oscar de la Renta, che Taylor Swift ha indossato ai Grammy, e nella collezione autunno 2021 di Simone Rocha.

Deanna Farneti Cera, storica dei gioielli a Milano, ha detto: “Ha scelto di non indirizzare il suo lavoro a donne o uomini anziani e benestanti, ma ai millennials, il che dimostra una grande intuizione”. Questi giovani, ha detto, “sono un nuovo tipo di clienti, che hanno bisogno di trovare la loro identità in qualcosa di mai visto prima, almeno non nella loro vita.” Quel qualcosa, ha suggerito Keith Penton, capo del dipartimento di gioielli di Christie’s a Londra, è “il romanticismo del passato“. Dena Giannini, direttore di stile di British Vogue, ha detto: “Michele ha una tale abilità nel remixare il vecchio in modo nuovo”. La Giannini ha notato che con lui “è tutta una questione di accumulo”.

In gran parte fuori dalla circolazione negli ultimi 30 anni, le spille sollevano domande grandi e piccole. Per esempio, come chiamarle? Il pedigree “brooch” (pronunciato “broach”) è più un british-ism, usato per pezzi più grandi e decorativi e per quelli che si chiudono con dei fermagli. “Pin” è un catchall più spesso sentito negli Stati Uniti. Come indossarle allora ? “Molte donne e molti uomini sono intimiditi perché non sanno dove metterli”, ha detto Giannini. Come sulla giacca di Page, l’abito Schiaparelli che Regina King ha indossato agli Emmy dell’anno scorso era cosparso di spille non staccabili; e la decollete aperta dell’abito Schiaparelli couture della sua collezione primavera-estate 2021 è orlata di ferali spille a forma di denti non staccabili con tappi d’oro (sicuramente un incubo da pulire a secco).

Per quelli che giocano a fare l’appuntatura da soli, il bavero è un punto ovvio. A partire dalla metà del 20° secolo, è diventato consuetudine indossare una spilla sul bavero sinistro, ha detto Fasel. “Si stringe la mano a destra, si indossa la spilla a sinistra”, ha detto. Un altro punto naturale della spilla, a cui la Giannini ha un debole, è il centro di un colletto. Per una copertina de L’Officiel l’anno scorso, l’attrice Anya Taylor-Joy indossava una spilla Moussaieff0 di perle, diamanti e rubini direttamente sotto il mento. Anche l’attrice Lily James è stata vista indossare una piccola spilla a stella vittoriana di Moira Fine Jewellery al centro del colletto di una camicetta bianca inamidata. “Ma metteteli dove volete”, ha detto Giannini. La stilista londinese Chloe Beeney ha detto: “Puoi metterle in vita, sulla spalla, sul collo, sulla linea del seno”. Le spille stanno apparendo anche sulle tasche, sulle scollature a V davanti e dietro, sui polsini, sulle borse, sugli zaini, sui capelli e sulle scarpe. Basta tenere a mente, ha detto Ettlinger Gross, che “le spille attirano l’attenzione ovunque le appuntiamo“.

LA SPERANZA IN UNA SPILLA: Le spille stanno guadagnando popolarità sui siti di e-commerce. Giannini attribuisce questo “ai millennial e ai Gen Zers che si allontanano dal fast fashion e cercano l’integrità dell’upcycle e del riciclo”. Il decennio più ricercato? Per i clienti di Susan Caplan, specialista di gioielli vintage di lusso a Londra, sono gli anni ’80, quando arrivarono Armani, Versace, Lagerfeld e Lacroix. Sono apparsi i pezzi più audaci di Chanel. I designer di Van Cleef & Arpels lavoravano in nero per Trifari, un’azienda di bigiotteria, mentre Monet, concorrente di Trifari, produceva spille a tripla placcatura d’oro per Yves Saint Laurent, “perfette per le sue spalle affilate che erano quasi cartelloni pubblicitari”, ha detto Ettlinger Gross.

Fasel ha detto che la maggior parte delle persone pensa agli anni ’80 come all’era dei gioielli di grande impatto. “Ma quando si tratta di spille, JAR ha fatto pezzi che hanno resistito alla prova del tempo”, ha detto. “Ha fatto un’intera serie di spille a farfalla nella sua firma pave-setting con pietre preziose e semipreziose“.

Una tale farfalla, così come una libellula e un serpente JAR, apparirà , insieme a una moltitudine di spille ragno, stelle marine, tigre, elefante, uccello e scarabeo da Boucheron, Cartier, Tiffany, Bulgari, in “Beautiful Creatures: Gioielli ispirati dal regno animale,” una mostra prevista per il Museo Americano di Storia Naturale quando il Museo Mignone Halls of Gems and Minerals, riapre questa primavera. Fasel, lo storico dei gioielli, è curatore ospite. Più accessibili e facilmente disponibili, sono le spille di bigiotteria. I punti culminanti includono la stella galattica di Thierry Mugler : “un gioco di brillantezza e di colore ,riferisce Zucker ; pezzi Byzantine-esque Gripoix di Chanel, con le loro pietre di vetro.

Le spille overcale, che la Giannini ama vedere appuntate a un abito o a un trench, prendono motivi femminili di vecchio stampo come cuori e fiori e li ingrandiscono a dismisura. Inondando il mercato in questo momento ci sono spille, alcune piccole come la punta delle dita, che mostrano ogni personaggio immaginabile , incluso il Dr. Anthony Fauci. Indossarli non solo dice agli altri chi favoriamo, ma è anche un modo di tenerli vicini e condividere i loro poteri. Tra i più toccanti ci sono i ritratti fotografici abbelliti della defunta Cicely Tyson, in cornici ornate. Fanno parte della collezione di spille Afro-Luminaries di Ashaka Givens, una modista e designer di Brooklyn. Le spille della Tyson sono diventate rapidamente dei bestseller, insieme a quelle di Nina Simones e James Baldwin. Particolarmente avvincente tra tutti i piccoli, è una spilla smaltata vettoriale a forma di siringa, che mostra le parole “GRAZIE, SCIENZA” davanti . Come bonus, il design elegante della spilla ricorda i rettangoli e i quadrati di Mondrian. “Ha una vita tremenda”, ha detto Zucker. “Penso che si stia dirigendo verso l’alto, esprimendo speranza. Mi piace molto”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: