Dagli ottimistici anni ’50 dei cocktail party e della vita in periferia, dopo la seconda guerra mondiale alla ritrovata libertà del movimento di liberazione delle donne negli anni ’60 e ’70, la metà e la fine del 20° secolo stanno assistendo a una rinascita tra i fan dei gioielli vintage e i nuovi appassionati che hanno scoperto che molti di questi modelli sono sia da collezione che indossabili. L’anello Tiffany & Co. Sapphire Diamond Gold Platinum Ring, attribuito a Donald Claflin, del 1960. All’interno della categoria del vintage, stiamo vedendo emergere due tendenze: una che parla di vestirsi di nuovo dopo aver lavorato a casa in tuta per oltre un anno, ma con un audace e inedito mix di materiali che erano popolari durante gli anni ’50 e i primi anni ’60.

Molte delle rinomate case stavano ridefinendo le loro collezioni per attrarre le donne di questi decenni distintamente diversi. “Ma questi marchi come Cartier, Van Cleef e Bulgari stavano progettando per soddisfare una nuova clientela alla ricerca di gioielli meno formali, più portabili, che non erano gravati da diamanti e pietre preziose e dalla metallurgia dei primi anni del XX secolo della gioielleria edoardiana/ Belle Epoque e Art Deco”, dice Anthony Barzilay Freund, direttore editoriale e direttore delle belle arti. “Tra gli altri leader che sperimentavano nuovi stili e materiali durante questi tre decenni c’erano Andrew Grima, nel Regno Unito, e Donald Claflin e Jean Schlumberger, che lavoravano entrambi per Tiffany & Co. e David Webb, il designer socialista di New York.

Questi grandi talenti e i loro pezzi hanno attirato a lungo l’interesse dei collezionisti della metà e della fine del XX secolo e su 1stDibs”, aggiunge. La collana Delphe Collection di Van Cleef & Arpels di Stephanie Windsor che può diventare un braccialetto o una spilla in corallo rosa e agata verde. Montata in oro giallo 18 carati. Segni di saggio francese per l’oro, precisamente del 1970.

Gli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta si sono concentrati sul set del cocktail party e del country club. Palm Beach e le mondane che facevano le loro dimore invernali erano anche parte di questo stile di gioielli colorato e vivace. Miscele inaspettate di gemme, grandi anelli da cocktail, serie di collane e orecchini a clip, braccialetti da polso e flessibili e uno stuolo di spille erano i gioielli del giorno. Se le gemme erano preziose, erano mescolate ad arte con pietre meno preziose dell’epoca: corallo e zaffiro, rubini e turchese, ma anche ametista, citrino e acquamarina, tutti mescolati insieme o con accenti di diamanti. Questi erano versatili e portabili e venivano indossati di giorno o di notte, a seconda della donna e dello stile di vita. Un’importante suite della metà del secolo scorso di Van Cleef & Arpels che combina due disegni emblematici della celebre casa: le forme voluminose a cupola della ‘Pelouse’ (in alcuni libri questo look è anche indicato come ‘Couscous Passementerie’) decorate con motivi floreali derivanti dalle collezioni ‘Hawaii’. Questa Van Cleef & Arpels Bagatelle Convertible Bombe Suite è composta da un paio di orecchini dimensionali, un anello da cocktail e una collana che si separa in un paio di bracciali, questa volta del 1950. La spilla Jean Schlumberger di Shreve, Crump & Low per Tiffany & Co è composta da peridoti verdi a taglio pieno e rubini rossi incastonati in oro giallo 18 carati in questo classico disegno floreale a tema cardo. Questa spilla misura circa 1,5″ di altezza.

Barzilay Freund spiega: “Mentre la metà del 20° secolo, in particolare i pezzi firmati stanno andando forte, stiamo vedendo un movimento verso un focus amplificato sugli anni ’70. È passato abbastanza tempo perché si possa pensare a quel decennio in modo nostalgico”. Una collana Bulgari Monete degli anni ’70 circa in oro giallo 18 carati con una grande moneta d’argento datata 1790, raffigurante Ferdinando IV/III, re di Napoli e Sicilia, sul davanti. Il rovescio raffigura lo stemma reale durante il regno del re dal 1759.

Poi abbiamo la collana in oro giallo 18 carati con un inciso di Andrew Grima di Kimberly Klosterman Jewelry da 172 carati con un impressionante citrino giallo brillante a taglio misto esaltato da un piccolo diamante bianco rotondo, sospeso su un filo da collo originale, all’incirca sempre del 1970. Basta guardare i numeri di quante persone hanno seguito in streaming la serie Halston su HBOMAX. Halston è dove la modella e musa Elsa Peretti ha dato vita al suo stile iconico come designer e le donne chiedono a gran voce i suoi pezzi . Per quanto riguarda i pezzi di Aldo Cipullo per Cartier, i segni zodiacali di Cartier così come altri designer che lavorano con ciondoli astrologici, gioielli day-into-night in oro, tra cui catene multistrato (indossate a varie lunghezze) e anelli e bracciali con pietre dure come malachite, lapislazzuli e occhio di tigre, tutti incastonati in oro sono tutti parte della popolarità che stiamo vedendo seguendo la scia di questi gioielli vintage anni ’70”, aggiunge Barzilay Freund.

Il braccialetto Love Bardy Estate è realizzato in solido oro giallo 18 carati. Poi di continuo abbiamo il gioiello di punta di David Webb di Oak Gems in oro 18 carati e platino, con sommità di azzurrite intagliata, circondata da diamanti . Contrassegnato: Webb, 18K, Plat, CP39. Di seguito troviamo la collana in oro giallo 18 carati di David Webb degli anni ’70 circa, con pesante link Criss Cross in oro giallo 18 carati.

Adesso andiamo a vedere altri gioielli diffusi: I braccialetti tennis, essi sono stati chiamati per la prima volta braccialetti di linea nel periodo Art Deco. Hanno continuato a resistere per tutto il 20° secolo e oltre. Ma sono diventati famosi e anche rinominati dopo che la campionessa di tennis in carica del decennio, Chris Evert, ha perso il suo bracciale durante gli U.S. Open e ha chiesto di fermare la partita finché non l’avesse trovato. “I braccialetti da tennis sono senza tempo e una categoria che non passa mai di moda, si evolve solo in look più moderni e contemporanei con il tempo”, dice Barzilay Freund. Ed abbiamo un esempio : per esempio il bracciale tennis in platino e diamanti brillanti, prodotto in Francia nel 1970 circa. “Il designer greco Lalaounis o il Bulgari di Roma, che le donne eleganti indossavano come significanti dei loro viaggi all’estero o almeno il loro abbraccio di un’eleganza del vecchio mondo, viene riscoperto da un pubblico completamente nuovo, giovani donne che vogliono un look che non è facilmente riconoscibile o generico”, conclude.

Ecco alcuni altri preferiti degli anni ’50, ’60 e ’70 , molti dei quali sono pezzi firmati, ma si possono anche trovare look simili e prezzi più accessibili. Fra i vari esempi citiamo : La spilla “Clematis” di Van Cleef & Arpels degli anni ’60 con diamante e corallo incastonato in oro 18 carati della Macklowe Gallery, poi abbiamo i gioielli firmati Yafa, o ancora un’altra collana di Van Cleef & Arpels anni ’50 di Maurice Moradof in oro 18 carati con alternanza di diamanti e turchese.

Sempre continuando abbiamo la Webb Collana 18K con : diamanti, rubino, crisoprasio, lapis e smalto del 1968 circa . Un altro pezzo di valore… cioè la coppia di orecchini vintage di Nadine Krakov Collection creati da Cartier in Francia negli anni ’70. Gli orecchini sono timbrati con il marchio e il laboratorio di Cartier, il numero di serie e i marchi francesi per l’oro 18 carati. Poi abbiamo anche l’ iconica cintura in vermeil d’oro di Parker Daniels di Cartier del 1970 circa. La collana della cintura è realizzata in argento placcato in oro 24K, è marcata “Sterling” e firmata “Cartier“. Questa cintura è stata resa famosa nel 1969 quando la defunta Jackie Kennedy Onassis fu vista indossarla sull’isola di Capri. Quando il suo patrimonio fu messo all’asta da Sotheby’s nel 1996, la sua cintura Cartier fu venduta per 27.000 dollari ed addirittura la cintura di Elizabeth Taylor dello stesso modello è stata venduta all’asta nel 2011 per 52.000 dollari.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: