I gioielli possono salvare le economie più fragili dell’Africa? La Banca Africana di Sviluppo (AfDB) sta cercando di scoprirlo: ha commissionato dei consulenti per identificare dove meglio indirizzare gli investimenti nella catena del valore della gioielleria, in linea con il suo obiettivo di creare 25 milioni di posti di lavoro nel prossimo decennio, e promuovere l’empowerment economico delle donne. La fase finale di questo studio di Levin Sources, che è stata bloccata dalla pandemia, sarà condotta in Guinea, Zimbabwe, Sierra Leone e Mozambico. Fa parte dell’iniziativa Fashionomics Africa dell’AfDB, che mira ad elevare il profilo delle imprese africane del settore tessile, dell’abbigliamento e degli accessori su scala regionale e internazionale. L’Africa è la principale fonte di materie prime nella gioielleria, dai diamanti alle gemme colorate, all’oro e all’argento. Eppure la maggior parte viene esportata, contribuendo al mercato globale della gioielleria stimato in 230 miliardi di dollari. Le cifre per la dimensione del settore della gioielleria della regione, tuttavia, sono scarse, il Sudafrica è stimato a 290 milioni di dollari all’anno e identificare la portata dell’industria è uno dei compiti dello studio.

Ma, anche prima che la ricerca sul campo sia iniziata, i consulenti hanno identificato problemi con alcune delle aspirazioni dell’AfDB per la creazione di posti di lavoro. “Dei tre paesi che abbiamo esaminato finora: lo Zimbabwe ha una vasta gamma di pietre preziose, semi-preziose e ornamentali, mentre Guinea e Sierra Leone producono principalmente diamanti”, dice Felix Hruschka, un consulente indipendente del team Levin Sources, che sta conducendo gli aspetti tecnici dello studio. “Anche se c’è l’aspirazione politica in questi paesi di sviluppare un’industria di taglio e lucidatura, senza precedenti in questo settore, se lo possono scordare”. Questo perché i diamanti più economici e piccoli vengono esportati in Asia, dove vengono tagliati e lucidati da manodopera molto economica, compresi i bambini, mentre le pietre di migliore qualità vengono inviate a centri di lunga data e altamente qualificati in Israele o Amsterdam.

Non c’è nessun vantaggio competitivo da trovare ( in Africa) “, dice Hruschka. Dove c’è “un enorme potenziale per la creazione di posti di lavoro”, crede, è nel taglio e nella lucidatura delle gemme colorate. Ma, prima, c’è un enorme ostacolo da superare: Il mercato nero africano delle pietre di tutti i tipi. È un problema serio che, secondo Hruschka, fa perdere ai governi del continente milioni di dollari di entrate ogni anno. Tuttavia, Hruschka non crede che il diffuso contrabbando di pietre sia dovuto alla criminalità intrinseca. Invece, è il risultato di una burocrazia irragionevole. “I quadri legali, amministrativi e normativi sono così esigenti che l’applicazione è impossibile”, dice. “La maggior parte delle pietre sono vendute su approvazione, eppure hanno bisogno di più permessi, timbri e firme con i dazi di esportazione pagati in anticipo. Ma, se alcune pietre devono essere restituite, quali sono le possibilità di ottenere il rimborso dei dazi di esportazione?”

I centri di formazione che insegnano una vasta gamma di abilità nella creazione di gioielli sono un’altra parte essenziale della costruzione di un settore della gioielleria competitivo a livello globale. Hruschka riferisce che questi funzionerebbero meglio come progetti comuni tra paesi vicini. Boitshoko Kebakile accoglierebbe con favore questo sviluppo. Con sede in Botswana, il suo business House of Divinity è uno dei sempre più numerosi marchi di gioielleria contemporanea che si stanno affermando nella regione. Parlando ad un webinar in aprile organizzato dalla AfDB, con alcuni dei gioiellieri più creativi dell’Africa, ha detto che è “un momento bellissimo per essere un creativo africano. C’è un vero senso di unità e panafricanismo su cui possiamo fare leva. Ma ci sono due impedimenti nell’industria dei gioielli: l’istruzione e l’accesso ai finanziamenti. Ho ottenuto un finanziamento angelico per la mia attività, il che è molto insolito”.

Quando il rapporto Levin Sources sarà pronto, l’AfDB deciderà quanto denaro dovrebbe essere impegnato, dove indirizzarlo e come bilanciare i finanziamenti pubblici e privati. La banca ha già identificato le microimprese come quelle che hanno il maggior potenziale di crescita e di creazione di posti di lavoro. Ma Margaux Rusita, fondatrice del marchio di gioielli Margaux Wong in Burundi, crede che l’impulso principale per la crescita e lo sviluppo dovrebbe venire da coloro che sono nell’industria dei gioielli. “Non sono una che incolpa il governo”, dice. “Noi, i designer, abbiamo il desiderio e il know-how, e dobbiamo prendere il testimone e guidare l’industria. Dipende da noi”. Quindi Hruschka è ottimista riguardo alle prospettive di costruire un settore della gioielleria vitale e di portata globale, ma dice che ci vorrà del tempo: “Prima, i paesi devono stabilire un forte mercato locale e regionale”.

Crede anche che ci sia una nicchia per la gioielleria etica e responsabile che creerà una crescita verso la gioielleria mainstream. “Se ci prepariamo a riempire questa nicchia, sarà la migliore scommessa per il futuro”, dice. “L’Africa ha due principali risorse fantastiche: tutte le materie prime per la gioielleria , e grandi tradizioni nel design e un talento per l’arte. Entrambi possono essere scatenati per il bene del popolo africano”. L’iniziativa dell’AfDB ha anche un’importante dimensione culturale. Sviluppando un fiorente settore della gioielleria, può resettare le percezioni del continente. “Il lusso africano è un atto di sfida”, dice Jeanine Benjamin, una brand strategist di Johannesburg che ha lavorato per Cartier e Boodles. “Sfida gli stereotipi del nostro continente. È un prodotto e un contenitore per trasmettere le nostre storie, per sedurre il consumatore e spostare le connotazioni negative che hanno del nostro continente uno alla volta”.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: