Una rara collezione di fotografie e manufatti della fine del XIX e dell’inizio del XX secolo dei principali fotografi neri dell’epoca: James P. Ball, Glenalvin Goodridge e Augustus Washington ,fa ora parte del patrimonio dello Smithsonian American Art Museum (SAAM). Le prime fotografie incassate o dagherrotipi, ambrotipi e tintypes, molti dei quali legati alla ferrovia sotterranea e ai movimenti abolizionisti, e che ritraggono donne imprenditrici e altre persone che non si vedono spesso nelle immagini di questo periodo, offrono un nuovo sorprendente record visivo. La collezione di 286 oggetti offre un’opportunità unica di esaminare in dettaglio l’abbigliamento, la cultura e le storie individuali del periodo, e di studiare un gruppo razzialmente diverso di individui e famiglie dal 1840 al 1920. “Sono immagini straordinariamente belle e ossessionanti provenienti da un mondo lontano”, dice il direttore del museo Stephanie Stebich. “Questi ritratti diversi, che ritraggono sia soggetti afroamericani che bianchi, mostrano quanto la fotografia fosse democratizzata all’epoca e quanto fosse accessibile al grande pubblico.

Gli oggetti e le immagini rare, compresi i gioielli fatti di fotografie, sono stati acquisiti dal collezionista Larry J. West di New York City. L’SAAM detiene ora la più grande collezione di dagherrotipi dei tre primi fotografi afroamericani e con essa, il museo sta stabilendo una nuova galleria permanente e un centro per la ricerca e nuove borse di studio in questo campo. La collezione Larry J. West presenta una serie di fotografie degli inizi, compresi i dagherrotipi, il primo processo fotografico disponibile al pubblico negli anni 1840 e 1850. Questo metodo utilizzava fogli di rame argentato appositamente trattati per catturare le immagini. Inoltre, nella collezione ci sono ambrotipi e tintypes, i successori di quel primo sistema fotografico. “West ha un’eccezionale collezione di prime fotografie e ha voluto che fosse presentata insieme alle opere di artisti afroamericani già in possesso del museo”, dice John Jacob, curatore della fotografia del museo, che ha aiutato a organizzare l’acquisto della collezione.

Mentre la gamma tecnologica è impressionante, è il soggetto che cattura l’occhio. Sono inclusi ritratti mozzafiato di soggetti in bianco e nero, molti dei quali scattati da Ball, Goodridge e Washington, fotografi e imprenditori afroamericani, che hanno aperto la strada ad altri. “Il dagherrotipo ha aperto la porta della fotografia a tutti i ceti sociali”, dice Stebich. “Questi uomini lavorarono quasi interamente nella ritrattistica”. La collezione porta alla luce e alla visione pubblica ,40 dagherrotipi dei tre fotografi. Si sa che ne esistono solo 166 (altri potrebbero essere conservati in collezioni private); molti altri sono conservati in altri musei dello Smithsonian, nella Biblioteca del Congresso e nella National Gallery of Art. Incluso nella nuova acquisizione c’è un manoscritto dettagliato di West che descrive la sua ricerca, l’analisi e la conservazione della collezione, così come le metriche per autenticare le singole opere. Questi materiali saranno a disposizione di borsisti, ricercatori e studiosi in visita come una risorsa importante per il campo.

C’è bisogno di più borse di studio per determinare la portata di questo lavoro”, dice Jacob. “Il materiale di ricerca di Larry attirerà molte persone all’SAAM per studiare i suoi risultati e imparare di più sulle persone nelle fotografie e sui fotografi stessi”. Oltre ai ritratti e alle foto relative all’abolizione, la nuova collezione comprende una serie di gioielli fotografici ,spille, bracciali e anelli contenenti ritratti in miniatura. Molti di questi oggetti intimi contengono ciocche di capelli come ricordo indelebile. “Questo è stato il ponte dalla pittura in miniatura alla prima fotografia in scatola”, dice Jacob, descrivendo come le immagini di questo periodo erano racchiuse in supporti in pelle e scatole con cornice di legno. “Abbiamo quasi 450 miniature nella collezione di dipinti dell’SAAM e useremo la collezione West per mostrare la transizione dalla pittura al ritratto fotografico”. Opere d’arte selezionate dalla Collezione West saranno il fulcro della nuova galleria di fotografia americana, con una continua reinstallazione di opere dalle collezioni permanenti. Il tema della galleria è la democratizzazione della ritrattistica e includerà opere di fotografi non bianchi e donne e ritratti di soggetti attraverso le identità razziali e di classe.

West è un collezionista e storico della fotografia del XIX secolo, che ha raccolto questo materiale per più di 45 anni. Ha comprato il suo primo dagherrotipo nel 1975, un ritratto di un uomo afroamericano in smoking. Ha offerto la sua collezione al museo come riconoscimento del suo impegno di lunga data nel raccogliere e curare le opere di artisti neri. “Quando è arrivato il momento di collocare le tre collezioni che ho coltivato per tutti questi 45 anni, lo Smithsonian American Art Museum è stata la scelta migliore con la sua reputazione per la promozione della ricerca e di nuove borse di studio e i piani presentati dai suoi curatori per presentare oggetti da queste collezioni, in conversazione con dipinti e sculture dello stesso periodo, nelle gallerie pubbliche”, ha detto West in un comunicato. “Per i collezionisti-ricercatori come me, questo uso degli oggetti e dei risultati della ricerca è fondamentale. Dimostra che tutto ciò che un collezionista attuale ha non è ‘posseduto’, siamo solo custodi per loro.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: