I grandi artisti rubano”, disse notoriamente Picasso. Se fosse stato vivo per vedere la collaborazione tra lo street artist Trevor Andrew, alias Gucci Ghost, e Gucci, avrebbe potuto aggiungere che gli artisti intelligenti (o i marchi, per così dire) rubano a loro volta. Circa 10 anni fa, Andrew ha iniziato a incorporare il logo Gucci ,quelle iconiche G intrecciate create originariamente negli anni ’30 da uno dei figli di Guccio Gucci nei graffiti che ha spruzzato su muri, vestiti, mobili, cassonetti e quant’altro, e ha notato che aveva un certo effetto. “Ho pensato che fosse affascinante come la gente si facesse una foto accanto a un cassonetto della spazzatura solo perché ci avevo messo sopra la firma di Gucci”, ha detto di recente alla rivista Ocean Drive.

L’artista Hank Willis Thomas parla di verità, della sua prima retrospettiva e di altro Gucci Ghost ha immaginato che avrebbe continuato a farlo fino a quando, come ha detto una volta, il marchio o gli ha fatto causa o lo ha assunto. Nel 2016 il direttore creativo di Gucci Alessandro Michele lo ha invitato a collaborare alla collezione autunnale, dandogli uno studio in cui lavorare e, infine, un tour mondiale. Degli 80 pezzi risultanti, un mix di abbigliamento e accessori decorati con il logo in uno scarabocchio da graffiti, insieme ad altri ornamenti come stelle e strisce ,Andrew, che in questi giorni sta ancora facendo arte (e NFT), ha detto che i suoi preferiti includono i modelli tessili per una gonna a pieghe rossa e crema e per una serie di bomber in diversi tessuti e colori, e la borsa Real, una tote in rilievo con il nome Gucci, la parola real scarabocchiata su di essa in “vernice” gocciolante.

Quando l’artista concettuale Jill Magid ha incontrato Evan Yurman, figlio di David Yurman, fondatore dell’omonimo marchio di gioielli, sapeva di aver trovato uno spirito affine. “Mi ha fatto incontrare nei suoi uffici in Canal Street e mi ha fatto fare un giro”, ha detto. “Era molto orgoglioso dei disegni e delle sculture di suo padre. Ha imparato a manipolare gli oggetti quando era piccolo. L’idea che ci fosse un incrocio tra arte e gioielli era davvero eccitante”. Due collane con monetine drappeggiate su uno sfondo beige. A quel punto, Magid e Yurman avevano già iniziato a discutere di una collaborazione in cui lui avrebbe trasformato il penny di rame che Magid aveva disegnato per il suo progetto di arte pubblica Tender in una collana. Lo scorso settembre, con il sostegno dell’organizzazione di arte pubblica Creative Time, Magid ha fatto incidere sul bordo perimetrale 120.000 penny (pari al numero contenuto in un assegno di stimolo di 1.200 dollari che il governo degli Stati Uniti ha distribuito come aiuto per la pandemia) con la frase appropriata “il corpo era già così fragile” e arrotolato in involucri bianchi e rossi; le monete sono state fatte circolare principalmente nelle bodegas di New York City. Poco dopo aver pubblicato i penny, sapeva di voler trasformare Tender in un progetto di gioielli, e la sua amica Selby Drummond, ex redattrice di gioielli a Vogue, la presentò a Yurman. “Venendo da una famiglia di artisti ,David è uno scultore e mia madre è una pittrice , mi sono collegato immediatamente al progetto di Jill”, ha detto Yurman. “Mi sono avvicinato al progetto dal punto di vista dell’artigianato e del design, con l’obiettivo di portare il lavoro concettuale di Jill alla vita in gioielleria”. Inizialmente, Magid era preoccupato che alcuni degli elementi più concettuali del suo lavoro si sarebbero rivelati difficili da tradurre, ma Yurman e il suo team hanno reso tutto possibile. “Ci siamo sentiti come una vera collaborazione, nel senso che mi hanno aiutato a portare la mia idea a compimento”, ha detto Magid.

“Non hanno fissato parametri fastidiosi, e hanno accettato e persino abbracciato l’inversione del testo sulla moneta“. Per una ragione molto personale, Magid ha voluto che l’amuleto di monete fosse appeso sopra il cuore di chi lo indossa: quando era piccolo, suo figlio ha ingoiato un penny che è apparso lì in una radiografia. “Non sono una grande indossatrice di gioielli”, ha detto Magid, “ma mi affeziono molto a certi pezzi”, come l’anello da mignolo che ha comprato nel negozio di souvenir della Casa Barragán a Città del Messico, la casa conservata dell’architetto Luis Barragán, proprio prima di proporre un progetto al museo. Quel progetto è andato avanti, e l’anello mignolo è diventato un portafortuna. (Nel 2016, Magid ha fatto trasformare alcune delle ceneri di Barragán in un diamante e le ha incastonate in un anello di fidanzamento con la scritta “I am wholeheartedly yours”). Yurman e il suo team hanno riprodotto la moneta di Magid in oro rosa 18K per emulare il rame di un penny americano“, ha detto. Nella versione in edizione limitata, il penny pendente gira all’interno di una cornice d’oro circolare bordata di baguette di rubini e diamanti, evocando gli involucri bianchi e rossi.

Magid attribuisce a Yurman il merito di aver colto dei dettagli nella trasformazione della moneta in collana che avrebbero potuto sfuggirle. Yurman ha fatto notare che, come un vero penny, il lato superiore era invertito quando veniva girato da destra a sinistra. “Era davvero questa bella domanda”, ha detto Magid. Hanno deciso insieme di alterare la moneta in modo che entrambe le teste e le code appaiano dal lato giusto. “Il penny si sta trasformando dal suo ruolo nel commercio in un gadget indossabile per il corpo”, ha detto Magid, “quindi era giusto cambiare l’orientamento

Quando il Salvador Dalí Museum di St. Petersburg, in Florida, ha presentato la mostra del 2017 “Dalí & Schiaparelli, In Daring Fashion”, la rivista Vogue ha proposto che negli anni ’30 i due artisti avevano “inventato la collaborazione tra arte e moda”, aggiungendo che “l’ironia, il mix di materiali alti e bassi e i materiali promozionali multimediali di cui furono pionieri, sono ancora utilizzati da artisti e designer oggi”. Come progetto O.G. arte/moda, Dalí + Schiaparelli ci hanno portato il cappello Shoe, il vestito Lobster, il vestito Tears e il vestito Skeleton. In retrospettiva, i risultati della loro collaborazione hanno fatto presagire qualsiasi numero di improbabili oggetti da indossare, dai cappelli stravaganti di Isabella Blow alle maschere facciali di Alexander McQueen alle maschere antigas di Irene Luft, così come le acrobazie in passerella come le modelle di Gucci che portano repliche delle loro stesse teste e le modelle di Rick Owens che sopportano il peso del corpo di un’altra modella avvolto intorno al proprio. Più importante, hanno dimostrato che il corpo umano potrebbe essere un mezzo formidabile per l’arte del suo stesso genere.

Hank Willis Thomas ha usato il testo nel suo lavoro fin dall’inizio, brandendo le parole per un effetto politico: per un cartellone a Pearl, Mississippi, nel 2016, ha messo lo slogan della campagna di Donald Trump “Make America Great Again” contro un’immagine della campagna per i diritti civili di Selma del 1965. All’inizio di quest’anno, ha collaborato con il marchio di moda Helmut Lang per presentare uno dei suoi testi più provocatori in un modo completamente nuovo: ha rilasciato una collezione limitata di 10 pezzi ,con felpe, t-shirt e un vestito , basata sul suo lavoro del 2010 che utilizza la stampa lenticolare per rendere uno slogan che recita, a seconda del punto di vista, IT’S ALL ABOUT YOU o IT’S NOT ABOUT YOU. Helmut Lang è riuscito a ricreare l’effetto lenticolare sui capi, risultando in pezzi di conversazione indossabili. E fedele all’impegno di Willis Thomas per le cause sociali e politiche, il 15 per cento del ricavato delle vendite va all’organizzazione di riforma carceraria Incarceration Nations Network. Questa non è la prima volta che Willis Thomas collabora con un marchio di moda. L’anno scorso, con Equator Productions, ha creato una campagna per le collezioni pre-primavera e primavera/estate 2021 di Chitose Abe, direttore creativo e fondatore della casa di moda giapponese Sacai. Per quel progetto, Willis Thomas ha portato il suo team – compresi i musicisti Keyon Harrold e Jason Moran, e l’artista Zoë BuBuckma per creare un film.

Né è la prima volta che Helmut Lang fa lo stesso. Prima di lavorare con Willis Thomas ha collaborato con Carrie Mae Weems, Jeremy Deller, Josephine Meckseper e, in una delle partnership più iconiche della storia dell’arte e della moda, con Vanessa Beecroft. Nel 2001, Lang disegnò degli stivali neri alla coscia per un test di resistenza della Beecroft alla Kunsthalle Wien intitolato “VB45”, in cui le modelle stavano nude, tranne che per quegli stivali, in formazione militare finché, esauste, si sdraiavano a terra. Da parte sua, Willis Thomas sembra intenzionato a continuare a sperimentare nella stessa direzione. Del suo progetto con Helmut Lang ha detto a WWD: “Sono sempre stato ossessionato da come la moda e il branding modellano la nostra prospettiva degli altri e di noi stessi”.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: