La regina francese Maria Antonietta era famosa per il suo senso dello stile. Durante la sua vita, ha affascinato la corte con le sue acconciature elaborate e gli abiti sontuosi; secoli dopo la sua morte, le scelte sartoriali della monarca, compreso l’andare in giro per un villaggio sul terreno di Versailles in un abito da mungitrice noto come chemise à la Reine, continuano a ispirare nuovi look. Questo novembre, due accessori del tanto agognato armadio della regina andranno all’asta da Christie’s Ginevra. Come riporta l’Agence France-Presse (AFP), la coppia di braccialetti a tre fili, con un totale di 112 diamanti, ha una stima da 2 a 4 milioni di dollari ma potrebbe raggiungere un prezzo molto più alto. Parlando con l’AFP, Marie-Cécile Cisamolo, specialista di gioielli presso Christie’s, sottolinea che la stima “include non solo il valore intrinseco dei diamanti, ma anche la possibilità di indossare gioielli che una volta erano indossati dalla famosa regina”. Secondo una dichiarazione, Maria Antonietta acquistò i bracciali nel 1776, pagandoli 250.000 livres, “una somma enorme all’epoca”. La livre francese valeva allora più o meno come una libbra d’argento, nota Joseph Golder per Zenger . I braccialetti di diamanti di Maria Antonietta vanno all’asta Ritratto del 1783 della regina Maria Antonietta in un abito informale di mussola Pubblico dominio via Wikimedia Commons.

La regina pagò i braccialetti con pietre preziose della sua collezione e fondi forniti da suo marito, Luigi XVI. Nel 1791, mentre la Rivoluzione francese minacciava di rovesciare la monarchia, Maria Antonietta inviò i gioielli, racchiusi in una cassa di legno, all’ex ambasciatore austriaco in Francia, il conte Mercy-Argenteau, perché li custodisse. Dopo l’esecuzione della regina nell’ottobre 1793, l’imperatore d’Austria, Francesco II, ordinò ai suoi servitori di creare un inventario del contenuto della cassa. L’oggetto numero sei, secondo Christie’s, era una “coppia di braccialetti in cui tre diamanti, con il più grande incastonato al centro, formano due barrette; le due barrette servono come fermagli, ognuna delle quali comprende quattro diamanti e 96 diamanti incastonati”. Cisamolo dice a Jill Newman di Town & Country che i braccialetti di diamanti “fanno rivivere e trasportano una parte della storia francese nel mondo di oggi”. Aggiunge che i pezzi sono ancora più preziosi perché non sono stati alterati nel tempo. Sembrano essere nelle stesse condizioni di quando la regina li acquistò. “Possiamo supporre che il design semplice abbia parlato ai suoi diversi proprietari nel corso degli ultimi 226 anni”, dice Cisamolo.

Nata nel 1755 a Vienna, Maria Antonietta aveva solo 14 anni quando sposò Luigi, nipote di Luigi XV di Francia, nel maggio 1770. Ha corteggiato le polemiche fin dall’inizio del suo regno nel 1794, attirando critiche a causa delle sue origini austriache e della sua reputazione percepita “come una spendacciona … indifferente alla situazione del popolo francese”, ha scritto Nazanin Lankaran per il New York Times nel 2019.

Quando i rivoluzionari francesi presero d’assalto la Bastiglia il 14 luglio 1789, Maria Antonietta era una delle figure più odiate del paese. Imprigionata alle Tuileries di Parigi nel 1791, la regina mandò i suoi gioielli a Bruxelles, credendo che alla fine sarebbe stata esonerata e riunita con loro, secondo Town & Country. Invece, lei e suo marito furono condannati a morte e decapitati con la ghigliottina. La figlia della coppia, Marie-Thérèse Charlotte de France, conosciuta anche come “Madame Royale”, sopravvisse alla rivoluzione, sopravvivendo sia ai suoi genitori che a suo fratello, il giovane Luigi XVII. Fu liberata nel dicembre 1795 e mandata in Austria, dove prese possesso dei gioielli di sua madre. “Questi gioielli possono quindi essere fatti risalire fino a Maria Antonietta”, dice Cisamolo all’AFP. Altri pezzi di gioielli della regina sono andati all’asta negli ultimi anni. Nel 2018, per esempio, un ciondolo di perle e diamanti indossato dalla monarca condannata è stato venduto da Sotheby’s per 36 milioni di dollari.

Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: