I due giganti del lusso e il Responsible Jewellery Council hanno collaborato su un’iniziativa di primo piano per ampliare e rafforzare gli sforzi per trasformare l’industria della gioielleria per la resilienza climatica, con gli SDGs al centro. Mentre le singole aziende, tra cui Pandora e Tiffany & Co, hanno lavorato sulle proprie iniziative di sostenibilità, l’iniziativa Watch & Jewelry 2030 di Kering e Cartier è la prima a riunire il settore con una serie di obiettivi ambiziosi e comuni in tre aree: costruire la resilienza climatica preservare le risorse e promuovere l’inclusione. “Poiché il settore della gioielleria dipende dalle preziose risorse della terra e dal know-how delle persone di tutto il mondo all’interno delle sue catene di valore, l’imperativo di agire insieme per creare un impatto più positivo è diventato sempre più chiaro”, ha detto Cyrille Vigneron, Presidente e CEO di Cartier. “Siamo entusiasti di unirci agli sforzi verso un’industria più sostenibile insieme a Kering, in collaborazione con il Responsible Jewellery Council e di invitare altri protagonisti del settore ad aderire a questa iniziativa. Più che mai, rimaniamo impegnati a condividere la nostra visione comune di un futuro in cui tutte le Maison, i loro fornitori e partner commerciali siano autorizzati a collaborare a progetti che abbiano un impatto positivo sul pianeta e sulle persone.”

Proprietario di una rinomata scuderia di marchi di moda, pelletteria, gioielli tra cui: Gucci, Saint Laurent, Bottega Veneta, Balenciaga, Alexander McQueen, Boucheron e Pomellato, Kering è stata a lungo all’avanguardia del lusso sostenibile , stabilendo l’asticella con il suo quadro di profitto e perdita ambientale e rendendolo pubblico nel 2015; e l’anno scorso, rilasciando una tabella di marcia dettagliata verso il suo obiettivo di avere un impatto netto positivo sulla biodiversità entro il 2025. “In Kering, crediamo che il lusso sia inseparabile dai più alti standard ambientali e sociali; e che sia nostra responsabilità, come protagonisti leader del lusso, avviare i cambiamenti necessari per proteggere il nostro pianeta”, ha detto Jean-François Palus, Group Managing Director di Kering.

“Siamo da tempo convinti che solo un’azione collettiva può fare la differenza per trasformare in meglio la nostra industria. Per la gioielleria, proprio come per la moda, crediamo che impegnarsi collettivamente su un nucleo comune di obiettivi ambientali quantificati e focalizzati su alcuni temi sia il modo migliore per avere davvero un impatto. I cambiamenti per cui ci stiamo battendo sono essenziali per il futuro, non solo del pianeta ma della nostra stessa industria”. Mentre si concentra sulle sue tre priorità tematiche, l’iniziativa 2030 si impegna fortemente alla trasparenza con l’obbligo di riferire sui progressi su base regolare. Supporterà anche i membri nel soddisfare le crescenti aspettative delle parti interessate , compresi i consumatori, la società civile e le autorità di regolamentazione , di pratiche ambientali, sociali ed etiche esemplari.

Obiettivo 1: Costruire la resilienza climatica: Il primo obiettivo riguarda l’adozione di azioni prioritarie per ridurre le emissioni di carbonio in linea con un percorso di 1,5°C, per raggiungere lo zero netto entro il 2030. Come impegno minimo, i marchi che aderiscono all’iniziativa dovrebbero presentare obiettivi di riduzione delle emissioni su base scientifica per le emissioni Scope 1, 2 e 3 alla Science Based Targets Initiative (SBTi) entro il 2022. I firmatari devono anche dimostrare il loro lavoro per aiutare le popolazioni vulnerabili nella catena del valore dell’industria della gioielleria e contribuire a soluzioni a bassa emissione di carbonio per queste comunità.

Obiettivo 2: Preservare le risorse per la natura e le comunità : Il secondo obiettivo è quello di assicurare che l’approvvigionamento dell’industria abbia un impatto positivo sulla natura e sulle comunità. Come impegno minimo entro il 2022, i marchi partecipanti dovrebbero misurare e dare priorità al loro impatto sulla biodiversità e sull’acqua attraverso il loro approvvigionamento di materie prime chiave, utilizzando un quadro credibile basato sulla scienza. Ulteriori impegni includono l’attuazione di piani d’azione per ridurre l’impatto sull’acqua e sulla biodiversità entro il 2025, attraverso: Implementare standard di approvvigionamento che proteggano gli ecosistemi naturali e i servizi che forniscono alle popolazioni locali e indigene , tra cui garantire che le catene di approvvigionamento siano prive di prodotti provenienti da foreste antiche e in pericolo, ripristinare gli habitat dove si sono verificate attività minerarie e altre attività estrattive, e sviluppare mezzi di sussistenza locali per le comunità minerarie e agricole che rispettino l’equilibrio degli ecosistemi naturali. Creare una nuova mentalità industriale incentrata sull’innovazione sostenibile e sulla circolarità dei materiali, dei prodotti e delle pratiche dell’industria.

Obiettivo 3: Promuovere l’inclusione in tutte le catene di valore: Come impegno minimo, i marchi che aderiscono all’iniziativa dovrebbero aderire al RJC e diventare certificati dal Code of Practices (COP) entro due anni. Gli impegni su questo fronte includono la garanzia della certificazione COP per i fornitori Tier 1 e 2 entro il 2030 e l’eliminazione dell’esposizione dei dipendenti e della natura ai rischi chimici tossici; l’aumento delle azioni sulla diversità, l’equità e l’inclusione; e il contributo alla conservazione e alla trasmissione del know-how artigianale e industriale e il sostegno alla mobilità verso l’alto della nostra forza lavoro mentre la produzione e i luoghi di lavoro diventano sempre più digitalizzati.

Il Responsible Jewellery Council è la principale organizzazione standard dell’industria globale dei gioielli . Ha 1.500 aziende associate in 71 paesi, che abbracciano la catena di fornitura dei gioielli dalla miniera alla vendita al dettaglio. I membri dell’RJC si impegnano a rispettare il Code of Practices , uno standard internazionale sulle pratiche commerciali responsabili per i diamanti, le gemme colorate, l’argento, l’oro e i metalli del gruppo del platino e sono sottoposti a controlli indipendenti. Il Code of Practices (COP) affronta i diritti umani, i diritti del lavoro, l’impatto ambientale, le pratiche minerarie, la divulgazione dei prodotti e molti altri argomenti importanti nella catena di approvvigionamento dei gioielli. Nel 2020, RJC e il Global Compact delle Nazioni Unite hanno avviato un’iniziativa strategica unica nel suo genere: il programma “SDG Innovation & Impact in the Jewellery Industry”. Nel 2021, RJC ha approfondito questo impegno sostenendo l’iniziativa UNGC SDG Ambition per accelerare l’integrazione dei 17 SDG nella gestione del core business; e ha lanciato la SDG Taskforce , una piattaforma d’azione a livello industriale per portare avanti l’agenda della sostenibilità e valutare i progressi nella catena di fornitura di gioielli.

L’Agenda 2030 dell’ONU non lascia indietro nessuno. Il business può essere una forza di cambiamento positivo e di impatto, sostenendo un’economia globale che protegge le persone, il pianeta e i sistemi naturali che ci sostengono”, ha detto il direttore esecutivo del RJC Iris Van der Veken. “Il RJC è determinato ad aiutare le imprese ad essere una forza per quel cambiamento attraverso partnership trasformative. Lavorando insieme, possiamo contribuire notevolmente al cambiamento urgente necessario per raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile in questo “Decennio di Azione” e creare un mondo migliore e più giusto entro il 2030.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: