La maggior parte dei consumatori ha sentito parlare dei diamanti coltivati in laboratorio. Sanno che esistono. Ma molti non sono ancora del tutto sicuri di cosa siano. Questo secondo l’ultima ricerca del Plumb Club Industry and Market Insights 2021, che ha interrogato 1.049 uomini e donne, tra i 25 e i 60 anni, in 10 mercati chiave. Il sondaggio ha rilevato che il 79% degli intervistati ha dichiarato di essere a conoscenza dei diamanti coltivati in laboratorio e del loro utilizzo in gioielleria. Tuttavia, il 41% ha ammesso di non aver capito in cosa differiscono dalle gemme naturali. Questo dimostra una maggiore necessità di educazione del consumatore, dice il direttore esecutivo del Plumb Club, Lawrence Hess. “I rivenditori che stanno facendo bene con [i diamanti coltivati in laboratorio] adottano un approccio neutrale ed educano il consumatore sulle loro scelte senza pregiudizi”, dice. “Credo che il consumatore si accorgerà dei pregiudizi”. Quando gli è stato chiesto di scegliere, l’84% dei consumatori ha detto che preferirebbe comprare diamanti naturali, mentre il 16% ha detto che preferirebbe un lab-grown. Anche così, gli intervistati non erano affatto ostili alla categoria. Circa l’83% ha detto che prenderebbe in considerazione l’acquisto di un gioiello di moda con diamanti coltivati in laboratorio, mentre il 65% ha detto che prenderebbe in considerazione l’acquisto di un anello di fidanzamento coltivato in laboratorio. “Se aveste posto questa domanda un anno fa, non credo che avreste ottenuto questi numeri”, dice Michael O’Connor, chief marketing officer di Plumb Club. “Stanno crescendo, e questo ha a che fare con i rivenditori e il modo in cui stanno presentando questo. Quando i rivenditori e i marchi di cui i consumatori si fidano iniziano a portare il prodotto, questo lo legittima”.

Hess dice che non è stato sorpreso di vedere meno domanda per l’impegno coltivato in laboratorio rispetto alla moda coltivata in laboratorio. “Se stai cercando un anello di moda, stai comprando il design, e se un pezzo di diamante cattura la tua attenzione durante l’acquisto, lo avrai”, dice. “Con un anello di fidanzamento, la maggior parte delle persone compra prima il diamante e poi un anello di moda intorno ad esso”. L’indagine ha rilevato che le ragioni principali per l’acquisto di un pezzo di diamante coltivato in laboratorio sono il prezzo più basso (37%), il differenziale di dimensioni per i soldi (25%), le ragioni etiche (20%) e i benefici ambientali percepiti (18%). “Il valore è sempre stato un fattore chiave negli acquisti di gioielli”, dice O’Connor. “È il differenziale di prezzo, il rapporto qualità-prezzo, che è ciò su cui i rivenditori stanno puntando”. Il sondaggio non ha suddiviso le preferenze dei consumatori per età o altri dati demografici, ma la ricerca del Plumb Club ha generalmente scoperto che i dati demografici sono meno importanti della “psicografia”.

“Ci sono persone che dicono cose come ‘Questa non è l’auto di tuo padre'”, dice Hess. “Ma abbiamo scoperto che non è proprio la demografia, è più l’atteggiamento. Nella nostra presentazione, abbiamo una foto di una nonna e una nipote che indossano lo stesso identico vestito”. Hess dice che a differenza dei sondaggi passati su questo argomento, che sono stati spesso condotti da sondaggisti collegati ai minatori o ai coltivatori, questo sondaggio era “puramente informativo” e neutrale, poiché il suo gruppo contiene venditori di entrambi i prodotti. Tutto sommato, Hess crede che i dati mostrino che la categoria coltivata in laboratorio è qui per restare. “Gli atteggiamenti verso i diamanti coltivati in laboratorio e quelli naturali cambieranno”, dice. “Non sappiamo come cambieranno, ma sicuramente tra due anni sarà un mondo diverso a causa del COVID. Molte cose stanno cambiando così rapidamente in questo momento. “Penso che la coltivazione in laboratorio prenderà il sopravvento su quella naturale? No. Ma man mano che diventerà più diffuso, diventerà una percentuale delle vendite e la maggior parte dei rivenditori lo porterà”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: